**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

24.8.2016

Bisonte gay

Avete presente il bisonte, Il mitico animale del Far West dall'aspetto forte e virile? Ebbene sappiate che secondo Life-science se non trovano un esemplare del sesso opposto anche fra i bisonti vige la regola del “chi c'è c'è”.
Però i re della prateria non sono gli unici a mostrare questi comportamenti sessuali, all'elenco si aggiungono i trichechi, le scimmie come i bonobo o gli simpanzè, oltre a uccelli, insetti vari, cetacei, elefanti giraffe, iene, leoni, pecore e bovini.
Sempre secondo Life-science esiste una dettagliata casistica di animali involontari testimonial dei diritti omosex. Ad esempio i maschi adulti dei trichechi sono bisex. E, se durante la stagione degli amori si accoppiano con le femmine per procreare, il resto dell'anno si trastullano con esemplari più giovani e dello stesso sesso.
Proprio come avveniva nella civiltà greca e romana.

23.8.2016

Le strisce delle zebre

Oggi parliamo di un tema che appassiona i biologi dalla fine dell'800: le strisce delle zebre, un argomento sul quale si confrontarono i fondatori della teoria evoluzionista, Charles Darwin e Alfred Russel Wallace.
Secondo un nuovo studio, pubblicato da “Nature Communications”, le strisce bianche e nere delle zebre servono ad allontanare la mosca tse-tse ed altri insetti.
Tra le teorie più gettonate, si è parlato anche di un `look´ utile a confondere iene, leoni e altri predatori della savana, ma anche di un più semplice fattore estetico che distingue le zebre dai cavalli. E proprio secondo lo studio eseguito in laboratorio, gli insetti preferiscono i colori uniformi. Il responsabile del team di ricercatori all'Università della California, ha spiegato che la nuova teoria è la migliore emersa finora, anche se non fornisce una risposta sul colore bianco e nero delle strisce.
Abbiamo qualcosa su cui riflettere

22.8.2016

Farmaci per animali 5 volte più cari di quelli umani

Stessa molecola e stesse dosi, ma perché il farmaco per gli animali può costare anche cinque volte più di quello destinato alle persone? Non è tutto: per legge il veterinario non può prescrivere il farmaco umano se ce n'è uno per cani e gatti. Vogliamo saperne di più, ecco perché ci colleghiamo con il dottor Emanuele Minetti medico veterinario a Milano
In effetti i medici veterinari non possono prescrivere farmaci ad uso umano se esiste l'omologo veterinario e nel nostro settore il farmaco generico non ha differenze di prezzo significative. Nella realtà in pratica succede che i proprietari rinuncino alla prescrizione veterinaria e si procurino il medicinale in qualche altro modo, spesso facendoselo prescrivere per sé (od utilizzando pericolosamente i farmaci che sono in casa).

Però noi i medici veterinari siamo molto cauti, perché il paziente animale richiede competenze professionali e sperimentazioni dedicate: tra farmaco veterinario ed umano ci possono essere grosse differenze non subito identificabili. Anche la via di somministrazione può fare la differenza ed a volte la soluzione terapeutica che è stata pensata per l'uomo può non avere uguale efficacia terapeutica nel paziente animale. Ci sono anche situazioni in cui gli eccipienti nel farmaco veterinario sono stati appositamente studiati per favorirne la palatabilità e quindi l'assunzione orale. Per non parlare degli aspetti di metabolizzazione che nel cane o gatto possono differire di molto rispetto alla persona.
Altri casi invece sono piuttosto scandalosi per inspiegabile differenza di prezzo senza vera motivazione.
Ottenere le medicine, in particolare gli antibiotici, attraverso il circuito destinato alla salute umana significa non riuscire a controllare i dati sulla farmaco-resistenza e di conseguenza sulle nuove patologie che si stanno sviluppando tra gli animali, non solo quelli da affezione ma quelli destinati all'alimentazione umana.
A questi controlli la Comunità europea sta destinando cifre importanti e se non scoraggiamo questo fenomeno rischiamo di perdere il controllo sui germi che sviluppano resistenze ai farmaci (antibiotico resistenza)
Però non possiamo non fare un appello accorato alle multinazionali del farmaco che detengono quasi tutto il mercato: cambiate strategia, cambiate la distribuzione del farmaco veterinario, impegnatevi in prima linea affinchè i vostri e nostri clienti (sono milioni di persone in Italia) possano accedere ai farmaci pagando prezzi logici e non scaldalosamente elevati. A mio parere ne sarete premiati in poco tempo.

19.8.2016

Parliamo di divorzio

Oggi qui al magazine degli animali parliamo di divorzi. Voi sapevate che quando la coppia divorzia spesso l'affidamento del cane è più traumatico di quello dei figli? È quanto emerge da un sondaggio dell'associazione britannica Dogs Trust, secondo cui c'è chi arriva perfino in tribunale per rivendicare la proprietà sul suo “amico a quattro zampe”. Per un quarto degli intervistati sarebbe proprio il loro animale domestico il vero dilemma in caso di separazione.
Pensate che c'è chi è disposto anche a spendere soldi in costosi accordi prematrimoniali dove, a scanso di equivoci, si decide chi sarà il padrone se l'amore dovesse finire. Come si legge sul Daily Telegraph, non mancano gli esempi fra i vip come il leader degli Oasis e la ex moglie che sono andati di fronte a un giudice per decidere l'affidamento del loro quattro zampe.
Fidanzati all'ascolto siete avvisati.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.