**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

16.9.2016

Ansia da separazione importante

"Salve dottoressa Giussani, il mio cane meticcio di 3 anni e soffre di ansia da separazione, quando esco abbaia e fa i bisogni in casa, in un periodo c'è stata anche la fase distruttiva, io non so più cosa fare, ho provato di tutto le ho lasciato molti giochi ma a lei non interessano passa tutto il tempo a abbaiare e a fare i bisogni, le chiedo un aiuto non so veramente cosa fare e non voglio che i vicini chiamino la polizia, un altro fatto importante è che purtroppo NON posso permettermi un educatore cinofilo. Spero in una sua risposta. Grazie in anticipo, Daria"
Il microfono alla dottoressa Sabrina Giussani medico veterinario esperta in comportamento animale, buongiorno dottoressa:
"Buongiorno Loredana e buongiorno a tutti gli ascoltatori. Distruggere, abbaiare, piangere, fare i bisogni in casa quando il cane rimane da solo, sono sintomi di un importante attacco di panico. Il cane, dal momento in cui la proprietaria inizia a prepararsi per uscire, entra in uno stato di agitazione che perdura per tutto il tempo della separazione. Poiché il cane è adulto e la sintomatologia indica la presenza di un grande disagio, è necessario realizzare un percorso riabilitativo per aiutare il cane a gestire il momento della separazione. Il percorso consiste in una visita con un Medico Veterinario Esperto in Comportamento Animale e incontri pratici con un Istruttore Riabilitatore. Non nego che tutto ciò comporti un onere economico ma non ci sono rimedi “pronto uso” per risolvere questa situazione: il cane, la famiglia e i condomini vivono un disagio. Altrimenti è possibile cercare una persona che si occupi del cane quando la Sig.ra Daria è assente così che l'animale possa stare tranquillo, sempre in compagnia.
Arrivederci alla prossima settimana:"

15.9.2016

Panda gigante non più in estinzione

Il panda gigante: l'animale simbolo cinese non è più una specie in via di estinzione. Il suo stato nella lista degli animali a rischio estinzione, è stato cambiato da “in pericolo” a “vulnerabile”.
Una buona notizia, frutto di un lavoro di collaborazione fra gli ambientalisti e il Governo cinese che lo considera come suo animale nazionale.
Ma secondo l'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), questo potrebbe essere un risultato di breve termine: nei prossimi 80 anni i cambiamenti climatici potrebbero cancellare più di un terzo delle zone dove cresce il bambù, cibo fondamentale per l'alimentazione dei panda.
«Per proteggere questo animale simbolo è fondamentale che continuino misure efficaci per la protezione delle foreste» dicono dall'organizzazione.
Ma in questa lista purtroppo ci sono anche brutte notizie: il gorilla orientale, il più grande primate del mondo, è ormai in via di estinzione.
Una ondata di caccia illegale ha preso di mira questo primate riducendo la popolazione a solo 5.000 esemplari in tutto il mondo, con una diminuzione di oltre il 70% negli ultimi due decenni.
Notizie non proprio allegre.

14.9.2016

Le giraffe non sono tutte uguali

Le giraffe non sono tutte uguali. un recente studio conferma l'esistenza di quattro diverse specie: la giraffa del Nord Africa, quella del Sud Africa, la giraffa reticolata e la giraffa Masai.
«È stata una sorpresa scoprire che le quattro specie presentavano differenze genetiche rilevanti, e che non ci fosse ibridamento», spiega Axel Janke, coautore dello studio pubblicato sulla rivista Current Biology.«Il concetto di specie biologica definisce un gruppo di animali che in natura sono riproduttivamente isolati dagli altri. Ed è questo che abbiamo visto schedando la genetica delle quattro specie di giraffa, e prosegue «La giraffa - spiega Janke - è un animale trascurato dal punto di vista scientifico. La letteratura comprende solo 400 articoli scientifici contro i 20 mila scritti, ad esempio, sul rinoceronte bianco».
La classificazione proposta dallo studio si basa unicamente su dati genetici, senza prendere in considerazione altri fattori, come ad esempio le caratteristiche anatomiche o il colore del manto. Le ricerche sono proseguite per cinque anni, anni in cui il numero di giraffe sta inesorabilmente continuando a crollare. Negli ultimi 15 anni, infatti, da 140 mila esemplari si è passati a circa 90 mila.
Viva la giraffa allora

13.9.2016

Pet Therapy per vittime di violenza sessuale

La pet therapy funziona non solo con i bambini, gli anziani, i disabili, ma anche con le vittime di violenza sessuale. In un centro che si occupa di aiutare le donne a superare il trauma, il «Rape Crisis Center» di Milford, negli Stati Uniti, è stata adottata Lily, una golden retriver che con la sua presenza, e le sue coccole aiuta le donne che sono state vittime di aggressioni «Quando la cagnolina si avvicina alle persone, tra loro si crea sempre un'empatia splendida - dice Peggy Pisano, direttrice del Rape Crisis Center - «Chi subisce uno stupro rischia di tenersi addosso il dolore di questo episodio per tutta la vita. Noi cerchiamo di supportare queste persone anche grazie al quattro zampe». Lily ha iniziato a lavorare da poche settimane nel centro come cane da pet therapy, e si sono già visti i primi benefici: «Le donne si sentono meglio, perché la presenza di Lily è per loro qualcosa di speciale», prosegue Peggy. E siccome non è semplice dialogare con chi si rivolge a questo centro, con il cane la comunicazione è immediata: «Lei sta al loro fianco, e bastano piccoli gesti come una carezza o una coccola per migliorare l'umore, e non solo, delle persone. Prossimo obiettivo di Peggy: far collaborare Lily con la polizia locale.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651652653654655656657

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.