**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

12.11.2009

Niente cioccolato per fido

Sapevate che il cioccolato è tossico per i cani? Proprio così anche se prima di intossicarsi ne deve mangiare una grande quantità così, viste le proporzioni, una tavoletta può addirittura uccidere uno yorkshire.
Certo è che un quadratino di cioccolato al giorno non intossicherà il cane ma lo farà ingrassare. Il cioccolato infatti contiene un composto che si fissa all'emoglobina dei globuli rossi e le impedisce di trasportare l'ossigeno indispensabile per il rinnovo del sangue: a questo punto le cellule del cane non possono più “respirare”
Se si arriva a questo punto è una vera e propria emergenza: è necessaria una flebo a base di composti che combattano questo fissaggio all'emoglobina dei globuli rossi.
Per farla breve: non diamo il cioccolato ai nostri cani.
Per ulteriori approfondimenti www.prontofido.net

11.11.2009

Divorzi a causa di fido e micio?

Come tutti sappiamo i divorzi e le separazioni sono in aumento ma udite udite il motivo principale dell'evento pare sia dovuto agli animali di casa. Com'è possibile? Lo chiediamo a Lorenzo Croce presidente dell'AIDAA, buongiorno Lorenzo.
"Buongiorno, lo scorso anno furono 88 le coppie che ammisero di essersi separate o di aver avviato una causa di divorzio per problemi legati agli animali domestici. Nel periodo settembre 2008- agosto 2009 il dato è aumentato notevolmente in quanto su 1.074 coppie che si sono rivolte ad AIDAA per questo problema sono state 207 le coppie che hanno dichiarato che la prima motivazione di separazione è proprio il problema di convivenza con l'animale di famiglia. Per quanto riguarda le specie di animali a farla da padrone sono i cani(motivo di separazione in ben 145 casi) seguono i gatti (47casi) pappagalli (6 casi) Furetti (2 casi) conigli (2 casi) tartarughe (1 caso) serpenti ed altri esotici (4 casi). Tra le motivazioni adotte spicca sia per lui che per lei il troppo attaccamento del partner all'animale, seguito da questioni di allergia e anche in alcuni casi di paura dell'animale ospitato. Delle 207 coppie che si sono separate o divorziate con prima motivazione quella degli animali domestici solamente 14 avevano preso un animale domestico dopo sposati o conviventi, negli altri casi l'animale era già posseduto da uno dei due partner. Infine sul totale delle coppie che scoppiano a causa del peloso di famiglia 137 richieste di separazione arrivano dalla componente femminile, 63 da quella maschile, in 7 casi infine si tratta di coppie omosessuali".

10.11.2009

Ruca: cane anti cd e dvd

Ruca è un cane poliziotto della Guardia Nazionale Portoghese con una missione speciale: combattere la pirateria di cd e dvd. Infatti non è stato addestrato per scoprire droga o esplosivo, ma policarbonato e sostanze plastiche di cui sono composti i dischi. Insieme ad altri colleghi a quattro zampe sparsi nel mondo, hanno imparato a girare per mercati e vie sospette e a scovare pile di materiale contraffatto. È la nuova frontiera della lotta contro il contrabbando di film e cd copiati, che ha messo in ginocchio l'industria mondiale discografica e cinematografica.
I primi labrador a imparare questo nuovo mestiere sono stati due labrador, Lucky e Flo. Non sono stati reclutati dall'Fbi o dalla Cia, ma da Dan Glickman, presidente dell'Associazione dell'Industria cinematografica statunitense. Erano due cani abbandonati in un canile del nord Irlanda e avevano due anni di età.
Il loro allenatore, Michael Buchan, vicedirettore dell'intelligence della Mpaa, all'inizio non credeva in questo nuovo metodo e per primo è rimasto sorpreso dal risultato: «Ovviamente - spiega - gli animali non riescono a distinguere dischi originali da dischi falsi, ma laddove c'è il sospetto di contraffazione danno una grossa mano per scovare enormi quantità di materiale nascosto». L'intelligence ha patrocinato una tournée dei due cani in Usa e in Europa per sensibilizzare il mondo al problema della contraffazione di opere intellettuali.


9.11.2009

E' il momento del cavallo

Dopo cani e gatti, l'attenzione si sposta sul cavallo. Impegnato e sfruttato in manifestazioni equestri, riabilitazione, corse ippiche, giochi, palii. Mezzo di trasporto in molte città, come Roma dove ancora non è stata risolta la polemica ricorrente sulle «botticelle». Il nobile animale diventa finalmente un soggetto di diritti attraverso una serie di iniziative istituzionali in parte presentate a Fieracavalli, Per la prima volta il ministero del Welfare partecipa come partner per lanciare una serie di proposte dal sottosegretario Francesca Martini.
È già pronto un Codice per gli equini che si ispira a quello inglese, dove per tradizione sono molto più avanti di noi. Un decalogo di raccomandazioni per garantire il benessere e prevenire il maltrattamento. Ad esempio, scodella dell'acqua sempre piena e pulita, cibo di buona qualità, box con pavimento antisdrucciolo e scolo dell'acqua, convogli per il trasferimento dotati di certi servizi e addestramento secondo orari «sindacali», spazi per l'attività fisica, standard sui finimenti.
Il ministero ha nella Fiera uno spazio espositivo per presentare i provvedimenti già approvati. Innanzitutto l'ordinanza sui palii e i tornei storici, con regole severe per il rispetto della sicurezza della salute del cavallo. Poi il decreto che istituisce il primo centro di riferimento nazionale per la terapia assistita. Infine la Carta etica, un documento sul quale si sta raccogliendo il consenso dei grandi cavalieri, già firmato da Gianluca Bormioli.

Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.