**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

1.10.2009

I cavalli delle carrozzelle romane

Una bella notizia per i cavalli delle carrozzelle romane: via Veneto e via Sistina potrebbero dire addio a questa antica tradizione della capitale. Lo stabilirà una delibera del Campidoglio nella quale, verranno comunicate le altre strade proibite alle carrozzelle o perché troppo trafficate oppure perché faticose per i cavalli.
Morale non ci sarà nessun percorso stabilito ma una serie di strade off limits che non potranno essere inserite negli itinerari. i vetturini dovranno anche installate sulle carrozze tutte le misure di sicurezza come catarifrangenti e luci.
Un piccolo bando verrà indetto per l'acquisto dei microchip che saranno applicati ai cavalli. Entro l'estate prossima saranno pronte due strutture coperte per la sosta, una nella zona di piazzale Flaminio e l'altra vicino alle Terme di Caracalla, dove verranno fatti riposare i cavalli staccandoli dalle carrozze e, soprattutto nelle 4 ore di stop previste nei periodi più caldi, farli bere, mangiare e rinfrescare. Saranno organizzate anche nuove stalle a villa Borghese dove gli animali verranno ospitati durante la notte e quando non lavorano.
Per conoscere l'elenco delle vie proibite dovremo comunque aspettare la fine del mese. Finirà così per alcune strade di Roma l'amarcord delle carrozzelle portate sul grande schermo, vi ricordate? Da Alberto Sordi con la bella storia del suo cavallo Nestore.

30.9.2009

No al circo ringling - barnum

Letizia Moratti e Gianni Alemanno non diano il permesso al circo Ringling and Barnum di approdare a Roma e a Milano nell'ambito della loro tournée mondiale. La richiesta arriva dalla Lega Antivivisezione e dall'associazione Animalisti Italiani. Il motivo? La compagnia sarebbe responsabile di numerosi episodi di maltrattamenti nei confronti degli animali. Il circo è uno dei più celebri al mondo che quando viaggia si sposta su treni privati, e dovrebbe approdare a Roma e a Milanoil prossimo ottobre .
A sostengo della loro richiesta le tre associazioni hanno diffuso un dossier su una serie di violazioni contestate al circo unitamente ad un filmato relativo a recenti investigazioni effettuate sotto copertura da esponenti della sezione americana della Peta. «Nel video - spiegano le associazioni - si mostrano diversi operatori del circo Ringling che colpiscono senza motivo e ripetutamente gli elefanti sul muso, sulla proboscide, sulle orecchie e in altri parti sensibili del corpo. Il video rivela inoltre che l'addestratore del circo Ringling frusta le tigri e le colpisce con un'altra arma non identificata». Il dossier lamenta invece tutta una serie di mancanze che denotano una gestione impropria degli animali.
«Gli elefanti e le tigri sono stati intimiditi e percossi al fine di farli esibire in esercizi che per loro sono pericolosi, destabilizzanti e privi di senso - commenta la Peta Europa - Noi esortiamo i sindaci a rifiutare questa crudeltà negando al Ringling il permesso di approdare a Roma e Milano. A tutti coloro che amano gli animali, chiediamo di non andare al circo». poiché l'attenzione negativa che accompagna questo circo non può lasciare indifferenti, con il rischio di far passare un grave messaggio di inciviltà».
Prendiamo nota allora: No ai circhi che utilizzano e maltrattano gli animali.

29.9.2009

10 regole per una convivenza felice

Quasi 45 milioni di animali vivono nelle case degli italiani, Di fronte a questi numeri l'Ente nazionale protezione animali ha stilato alcune regole per una miglior convivenza uomo-animale:
1 - Ricordare che gli animali hanno diritti, di vivere, di essere difesi, di essere curati.
2 - Le leggi di tutela devono essere ampliate e applicate.
3 - L'habitat degli animali va tutelato.
4 - Tenere conto anche della presenza e delle esigenze degli animali nell'organizzazione degli spazi urbani.
5 - Il rapporto persona/animale deve essere conosciuto e trasmesso a livello educativo.
6 - Gli animali hanno il diritto di non subire limitazioni vessatorie nella vita quotidiana.
7 - L'utilizzazione degli animali va drasticamente rivista in ogni campo. Dalla sperimentazione al lavoro all'uso alimentare.
8 - Va ribadita con forza la responsabilità nella custodia e cura degli animali affidati per legge alle istituzioni locali.
9 - Va posta fine alla ingiustificabile attività venatoria e alla predazione ittica.
10 - Nessun animale può essere soppresso alla fine della propria vita lavorativa.

28.9.2009

Ucciso un bovino per "baaria"

Nel film Baaria, il regista Giuseppe Tornatore ha fatto uccidere appositamente un bovino che viene colpito alla testa con un punteruolo conficcato nella fronte dell'animale. L'animale si accascia a terra e ancora cosciente gli viene tagliata gola, il sangue zampilla in modo copioso mentre l'animale batte le palpebre e si muove leggermente fino a morire, alcune persone lo raccolgono in tazze per farlo poi bere a una delle attrici con la scusa che è anemica.
Per la LAV, che ha visionato il film nella “Commissione di revisione cinematografica” di cui è componente per legge, la scena è raccapricciante e cruenta, tanto più perché realizzata con un animale ucciso appositamente!
Perché Tornatore, volendo rappresentare un atto efferato dell'epoca rappresentata nel film, non ha scelto di utilizzare degli effetti speciali?
Perché realizzare in Tunisia una scena che in Italia sarebbe considerata maltrattamento secondo il Codice penale poiché effettuata senza stordimento e al di fuori di un macello autorizzato, fuori dal quale un bovino non può essere abbattuto?
La LAV rivolge questi interrogativi al regista Tornatore e alla società di produzione Medusa chiedendo al Sottosegretario alla Salute Martini di realizzare il controllo sui set cinematografici e televisivi da lei annunciato alcuni mesi fa. Siamo convinti che così, anche per produzioni italiane realizzate in Paesi dove vigono norme più permissive di quella italiana, le cose cambierebbero.




Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.