**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

15.4.2017

In aereo con Fido

Oggi qui al magazine degli animali parliamo di viaggi aerei in compagnia del nostro amico a quattro zampe. Avete già fatto questa esperienza? Se non sapete come muovervi ascoltate i consigli della dott.ssa Sabrina Giussani Medico Veterinario esperta in comportamento animale.
"Buongiorno Loredana e buongiorno a tutti gli ascoltatori. Per prima cosa è necessario chiedere con largo anticipo alla compagnia con cui viaggeremo quali sono le regole da seguire per portare con noi il cane o il gatto: il peso che l'animale non deve superare per accedere alla cabina, le dimensioni e il materiale del trasportino e le vaccinazioni necessarie.
È fondamentale, quindi, che il cane e il gatto siano capaci di entrare con tranquillità nel trasportino, rimanervi accucciati e schiacciare un pisolino considerandolo una casetta sicura. Per raggiungere quest'obiettivo, non dobbiamo obbligare l'animale a entrarvi ma aiutarlo a esplorare il nuovo oggetto attraverso specifiche attività basate sul gioco e sul divertimento. Possiamo aprire completamente il trasportino, toccarlo con le mani fingendoci molto interessati all'oggetto: il nostro comportamento indica al cane e al gatto che il trasportino non è pericoloso e, anzi, è molto bello! In seguito, possiamo mettere a qualche centimetro dall'ingresso dell'oggetto, alcuni premi in cibo o il giocattolo preferito dall'animale invitandolo a entrare. E così via fino a quando l'animale entrerà da solo e vi schiaccerà un pisolino.
È necessario evitare di chiudere il trasportino all'improvviso, prima che il cane e il gatto conoscano l'oggetto e si sentano sicuri all'interno. Altrimenti, come il gioco dell'oca, dovremo ricominciare tutto dall'inizio. Un saluto a tutti."

9.4.2017

LAV: a Pasqua cambia menu

L'immagine simbolo della LAV per la Pasqua è un agnellino che corre spensierato sul prato, ed è un messaggio che vuole essere la forte esortazione a lasciare che gli animali vivano una vita lunga e felice, lontano dai nostri piatti.
Ricordiamo che nel 2016 sono stati macellati quasi 2 milioni e mezzo di agnelli e capretti (dati Istat), moltissimi dei quali per celebrare la Pasqua e altre festività. Un orrore reiterato che non può trovare la sua giustificazione nella tradizione: l'alternativa a questo sacrificio animale ripetuto – e a tutte le abitudini alimentari cruente – esiste, è facile e molto più coerente con il festeggiamento della rinascita pasquale di quanto lo sia un piatto di carne, che in queste occasioni è un arrosto di agnello o capretto!
Quindi per una festa davvero festosa e senza crudeltà c'è il menu ideato da Simona Malerba per LAV. Ricette primaverili, saporite e a prova di palati esigenti.
Pensate a cambiare menu anche a Pasqua! www.lav.it

8.4.2017

Il mio cane trema

Alla posta del veterinario di pronto fido Sandro ci ha scritto: POSSIEDO UN CANE CORSO DI DUE ANNI CHE SPESSO MOSTRA TREMORE ALLE ZAMPE,A VOLTE UNA A VOLTE DUE ,A VOLTE ANTERIORI ,A VOLTE POSTERIORI. GRADIREI UN SUO PARERE. GRAZIE SANDRO. Risponde il Dottor Emanuele Minetti Medico veterinario:
"Buongiorno, vista la razza - molossoide di grande taglia - ritengo sia importante che il suo cane sia indagato bene sul problema che lei descrive. La prima cosa da fare è una visita di consulenza con un medico veterianrio esperto/specialista in neurologia (a Roma ci sono alcuni colleghi fra i
migliori in Italia) per verificare se i segni ed i sintomi che lei descrive siano effettivamente rilevanti e da indagare.
In seguito sarà lui ad indirizzarla eventualmente per una seconda visita con un veterinario esperto in ortopedia - per la valutazione delle patologie congenite, per esempio le displasie - oppure con un veternario internista per ulteriori indagini - magari malattie infettive - se il caso non fosse di sua competenza diretta.
Può quindi anche essere una questione banale, ma sottovalutare in età giovanile questi eventi potrebbe modificare la qualità della vita in età matura se si perdesse la possibilità di intervenre precocemente.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Medico veterinario
Viale Monetceneri 64 Milano
www.biessea.com

2.4.2017

Effetti Brexit su animali

Con l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea i cani e gatti saranno limitati nei loro spostamenti, come i loro padroni. I numeri sono alti si tratta di quasi 16 milioni tra cani e gatti con passaporto britannico, secondo i dati della Federazione europea delle industrie di alimenti per animali. Il problema è serio se non si trova un accordo visto che non potranno attraversare la Manica e circolare in Europa. Lo stesso però vale per tutti quei cani e gatti al seguito degli europei negli altri 27 Stati membri intenzionati a soggiornare in Regno Unito.
L'uscita dall'Ue significa quindi dire addio al passaporto comune per animali, rendendo più difficile per i britannici farli uscire dall'isola o, per i cittadini britannici attualmente residenti in altri Paesi Ue, riportarli «a casa».
Un problema non solo inglese, dato che portare il cane o il gatto al seguito coinvolge tutti in Europa, in particolare durante il periodo delle vacanze estive.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.