**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

11.8.2016

Cane e gatto felici insieme

Il Professor Joseph Terkel dell'Università di Tel Aviv ha pubblicato i risultati di una ricerca su un campione di duecento persone che convivono con un cane e un gatto. Sembra incredibile ma questi sono i risultati: solo nel dieci per cento erano presenti situazioni apertamente conflittuali. In un quarto del campione cane e gatto si ignoravano, ma in tutti gli altri casi avevano stabilito una relazione amichevole. Il 65 per cento delle volte insomma, cane e gatto conviventi, si salutavano affettuosamente incontrandosi, mangiavano, giocavano e dormivano insieme.
Terkel sottolinea che cani e gatti, hanno molti segni di amicizia o ostilità opposti, tipo: il cane agita la coda in segno di amicizia, il gatto quando è nervoso. Il gatto evita di guardare quando minaccia, per il cane quello è un segno di sottomissione, eppure nelle convivenze quando un cane agita la coda il gatto va strusciarsi affettuosamente come se avesse imparato la lingua del cane.
Ma la coabitazione ha più change di successo se il gatto arriva in casa prima del cane. E questo anche perché la coabitazione con il genitore “umano” ha reso più infantili entrambi.

10.8.2016

Ritratto del proprietario del gatto

Ieri qui al magazine degli animali abbiamo parlato del ritratto psicologico del proprietario del cane secondo un sondaggio inglese. Oggi come promesso parliamo dell'amico di micio
Innanzitutto il proprietario di gatto è soprattutto femmina, single, giovane, disordinata e svampita, nottambula e pigra: La caratteristica più ricorrente è l'introversione, seguita dal disordine e dalla dipendenza dalla televisione. Secondo quanto emerge chi vive con un gatto insomma tende a condurre una vita più contemplativa, più rivolta all'introspezione, solitaria e riflessiva, oltre ad avere una predilezione per il caos.
Chiaramente da questo questo sondaggio di padroni di animali domestici non emerge nulla di scientifico, ma piuttosto ricorrono statisticamente alcune tipologie che evocano come padrone tipico del cane un uomo un po' bucolico e preferibilmente ammogliato e come classica padrona di gatto un tipo alla Audrey Hepurn in Colazione da Tiffany. Talmente libera, confusa e sognatrice da non voler attribuire neppure un nome al proprio adorato micio.

9.8.2016

Ritratto del proprietario del cane

Sapevate che i padroni dei cani sono lavoratori e socievoli, quelli dei gatti solitari, pigri e disordinati e chi ha un coniglio tende a essere creativo e introspettivo Ma non è tutto gli uomini sposati tendono ad avere un cane, mentre le ragazze single un gatto. Niente è casuale? Secondo un sondaggio inglese fino a un certo punto, perché la ricerca prende in esame un esercito di persone che vive con il proprio animale domestico e ne tratteggia pregi, difetti, debolezze e anche abitudini di vita
A vincere la battaglia degli animali domestici è il cane, non solo perché è il più scelto tra tutti i possibili animali come convivente di noi esseri umani ma anche perché è rappresentato da una tipologia di padrone decisamente affidabile. Mattiniero, lavoratore, serio, propenso a costruire famiglia: il proprietario tipico di un cane presenta una serie di caratteristiche psicologiche positive che gli altri padroni non hanno.
Domani sempre qui al magazine degli animali parleremo del ritratto psicologico del proprietario del gatto.

8.8.2016

Ho trovato 2 cani malnutriti

Ho trovato 2 cani malnutriti e senza forza, cosa devo fare oltre a dare loro una bella ciotola di pasta e una di acqua? Domanda interessante, cosa risponde il dottor minetti medico veterinario a Milano? Buongiorno dottor Minetti
Buongiorno, in questi purtroppo non rari casi la prima cosa da fare, dopo avere abbeverato e sfamato gli animali, è fare intervenire subito i servizi veterinari della ASL operante sul territorio comunale, e nel caso non sia possibile bisogna contattare la Polizia Municipale, che ha l'obbligo di rispondere fattivamente alla chiamata.
Infatti i cani vanno controllati per verificare se sono identificati ed iscritti in una anagrafe canina italiana: non tutti gli animali che vagano sono veri randagi, magari criminalmente abbandonati da proprietari idioti: ci sono anche animali che si perdono per mille motivi e che hanno un proprietario per bene che li piange e li cerca.
Appurato che l'animale è senza padrone i servizi veterinari ed il comune si devono per legge occupare di lui, sia curandoli presso il presidio veterinario sia ricovernadoli in una apposita struttura onde nutrirli e rimetterli in forma.
Una volta che tutte le pratiche sono state espletate normalmente questi animali possono essere definiti adottabili: lei potrà anche prendersene cura direttamente oppure creare come spesso accade una catena affinchè si possa trovare un padrone.
Nel frattempo potrebbe anche contattare una delle principali associazioni di volontariato, che coprono tutto il territorio nazionale, coinvolgendone i volontari onde evitare quindi che questi animali lasciati a se stessi vadano incontro ad un futuro incerto o dietro le sbarre di un canile senza uscita.
Il problema come vede è molto serio ed ha anche dimensioni importanti nel nostro paese, soprattutto in alcune zone dove lo stato non è presente adeguatamente ed ha lsciato all'iniziativa privata - spesso come si sa non proprio sana ed onesta - la gestione del randagismo.
Questo nonstante migliaia di persone bravissime che come volontari ogni minuto dell'anno si dannano per trovare risorse economiche ed aiuti per i randagi italiani.
Cari saluti
Dr Emanuele Minetti
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651652653

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.