**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

8.5.2009

Giochi di attivazione mentale autocostruiti

L'ultima volta abbiamo parlato dei giochi di attivazione mentale, della loro utilità dove poterli trovare etc.. etc..Oggi restiamo in tema ma vi diamo qualche suggerimento per costruire questi giochi a casa vostra. Ce li presenta Daniela Lisi educatrice cinofila
"Per i più piccini o per chi inizia solo ora ad avvicinarsi ai giochi di attivazione mentale, prendete un bicchiere di plastica poggiate in terra un bocconcino e copritelo con il bicchiere. Il cane dovrà con il muso far cadere il bicchiere e prendere il bocconcino.
Lo step successivo è un pochino più complicato, sostituite il bicchiere di plastica con qualcosa di più pesante ad esempio una piccola bacinella magari mettete qualche bocconcino in più per aiutare il cane, anche in questo caso il cane dovrà riuscire a recuperare i premi.
Un altro gioco potrebbe essere quello della bottiglia.
Prendete una bottiglia di plastica grande o piccola a seconda della dimensione del vostro cane, togliete tutte le parti pericolose per lui ad esempio la carta ed il tondino del tappo e fate con un coltello o delle forbici dei buchi sparsi e riempite la bottiglia di bocconcini. I bocconcini devono essere più grossi dei buchi fatti alla bottiglia. Porgetela al vostro cane e lasciate che si ingegni per tirar fuori il cibo.
Ricordatevi sempre che ogni volta che sottoponete al cane un gioco nuovo dovete lasciargli il tempo di capire come muoversi. No parlategli, non sgridatelo e non aiutatelo. Solo alla fine di ogni gioco gli potrete fare dei complimenti e tutte le feste che volete!
I giochi da poter fare e costruire in casa sono molti, a volte basta solo far lavorare la nostra fantasia. L'importante è che non siano giochi pericolosi per il nostro cane. Mi raccomando!"

7.5.2009

Un aiuto ai cani dell'abruzzo

Oggi qui al Magazine degli Animali si torna a parlare dell'Abruzzo, questa volta però rispondiamo all'appello per una richiesta d'aiuto dei volontari della Sezione dell'Aquila della Lega Nazionale per la Difesa del Cane che Gestisce l'unico Rifugio per cani abbandonati di zona, che ospita attualmente 400 cani e che si stanno occupando degli animali randagi o di quelli rimasti soli dopo il sisma. occorrono magimi (umido e secco), antiparassitari esterni, vaccini, sverminanti, cucce, ciotole, coperte, guinzagli, collari, pettorine, gabbie, etc.
La Lega Nazionale per la difesa del cane resta a disposizione per qualsiasi chiarimento e ringraziano sin d'ora per la disponibilità e la solidarietà.
PACOPETSHOP ha risposto a questa richiesta di aiuto donando del cibo e del materiale, chiunque volesse partecipare può farlo acquistando QUALSIASI COSA e scrivendo nelle note dell'ordine "destinato alla Lega Nazionale per la Difesa del Cane Sezione di L'Aquila".
PACOPETSHOP predisporrà delle spedizioni cumulative a proprie spese.
A tutti coloro che parteciperanno verrà inviato via mail un resoconto della merce raccolta.
La raccolta terminerà il 31/05/2009
www.pacopetshop.it www.cuccefelici.com

6.5.2009

Primo centro oncologico veterinario

L'8 maggio verrà inaugurato il primo centro oncologico veterinario italiano. La nuova clinica che si trova a Sasso Marconi, Bologna nasce per i trattamenti radioterapici in pazienti oncologici ed ortopedici
La radioterapia negli animali da compagnia rende possibile la cura di tumori non altrimenti aggredibili. La tecnologia per questa terapia prevede l'utilizzo di un acceleratore lineare, strumento innovativo che permette, attraverso l'emissione di raggi X o di elettroni, di somministrare una dose di energia variabile a seconda della profondità e del tipo di tumore. In base al tipo di neoplasia il trattamento può essere utilizzato come unico ausilio terapeutico o in associazione alla chirurgia e alla chemioterapia.
La struttura è in grado di ospitare gli animali che hanno necessità di rimanere ricoverati per il trattamento terapeutico, assicurando la presenza costante di un veterinario. I 4 zampe assistiti in clinica possono inoltre usufruire di uno spazio privato esterno. Il centro si sviluppa su una superficie di 500 metri quadri, di cui 150 occupati dal bunker dove si effettuano i trattamenti. Al piano superiore trovano posto le sale visita, le sale ricovero separate per la degenza di cani e gatti, le sale per le medicazioni, un laboratorio, una sala conferenze e naturalmente una sala d'attesa per il ricevimento dei proprietari munita di tutti i servizi. E TUTTO PER OGGI

5.5.2009

Liti condominiali? c'e' il tribunale degli animali

I cani (e più in generale gli animali) sono causa di una lite condominiale ogni 20 minuti e di queste almeno un quarto finiscono nelle aule dei tribunali civili e penali italiani. Secondo i dati relativi alle segnalazioni raccolte nel corso del 2008 dall'Associazione italiana difesa animali, lo scorso anno sono state almeno 26.000 le liti condominiali in Italia (circa 70 al giorno) che hanno avuto come motivo scatenante la presenza dei cani e di altri animali in condominio, di queste almeno 4.500 si sono tramutate in cause civili e penali andando ad intasare il lavoro dei già super oberati tribunali italiani.I dati sono tratti dalle segnalazioni ricevute direttamente dagli sportelli ed al tribunale degli animali dell'AIDAA e confortati dai numeri delle cause civili e penali avviate per motivi legati alla presenza di animali in condominio e dal numero sempre crescente di querele reciproche tra condomini dovute alle liti per la presenza degli animali. In testa alla classifica delle regioni dove si litiga per gli animali in condominio vi sono la Lombardia ed il Lazio seguite dalla Puglia, Veneto, Toscana e Piemonte. In cima alle motivazioni che portano alle liti di condominio tra vicini c'è il presunto disturbo dell'abbaiare dei cani durante le ore del riposo e in quelle notturne, seguono poi questioni di tenuta igienica dei cani in appartamento ed infine questioni legate all'uso degli ascensori e degli spazi comuni dei palazzi (compresi i giardini condominiali) da parte dei cani e dei loro padroni. In controtendenza un dato che possiamo definire sorprendentemente basso quello che
riguarda gli escrementi lasciati dagli animali negli spazi e nei giardini condominiali. Purtroppo lo scorso anno in 65 casi queste liti sono degenerate provocando feriti mentre in quattro casi ci è scappato il morto.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.