**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

2.12.2008

Quando troviamo fido o micio

Daniela ci ha inviato questa mail:
"Ho trovato 2 cani davanti casa mia,ma quello che vorrei sapere è COSA DEVO FARE dato che almeno il meticcio-dogo argentino è microcippato?ho imteressato la mia asl di competenza tramite i vigili urbani ma ad una settimana dal ritrovamento non ho ancora avuto risposta.mi è stato detto che l'anagrafe canina non è collegata. forse c'è un padrone disperato...e non possiamo arrivare a lui
spero possiate aiutarmi"
Risponde Emanuele Minetti medico veterinario a Milano e vice presidente dell'ANMVI lombardia
"Quando si ritrova un cane o un gatto bisogna immediatamente rivolgersi o ai servizi veterinari ASL oppure ad un veterinario privato affinhè si possa subito verificare se l'animale sia tatuato oppure identificato con un microchip. Tutti i veterinari sul territorio che hanno l'autorizzazione ad identificare tramite microchip posseggono un lettore apposito ed accedono alla banca dati della regione di appartenenza ed all'anagrafe nazionale via internet. Nel momento in cui si ritrova il microchip si può risalire al proprietario, anche se per ora questa funzione è a disposizione in modo completo (e quindi con possibilità di contatto diretto telefonico) solo ai veterinari pubblici delle ASL.
Nel frattempo il cane può essere dato in affidamento temporaneo alla persona che lo ha rinvenuto oppure essere preso in cura dai servizi veterinari pubblici.
L'importante quindi non è saltare mai il primo passaggio: bisogna immediatamente denunciare il ritrovamento alle autorità competenti in materia affinchè nel più breve tempo possibile si attivino le ricerche. L'anagrafe infatti non è un sistema a fondo cieco ma un reale ed importante passo per aiutare il ricongiungimento fra l'animale vagante ed il suo legittimo proprietario."

1.12.2008

Il corso per "cane da ufficio"

Dove lasciate il vostro amico a quattrozampe mentre siete al lavoro? Ebbene a Vienna hanno trovato la soluzione: corsi speciali che insegnano al cane e al suo padrone “il giusto comportamento da ufficio” per poi promuoverlo “Cane da ufficio” con tanto di certificato.
Pensate che studi internazionali dimostrano che i cani, se ci accompagnano in ufficio, rendono più armoniche le relazioni di lavoro incentivando la produttività e la serenità. La sola presenza degli animali nei luoghi di lavoro riduce lo stress, le situazioni di conflitto tra le persone. Da qui l'idea di prepararlo per l'ufficio.
Durante questo speciale corso Fido impara a controllare le sue fobie davanti a determinati stimoli, un test comportamentale certifica poi se è pronto per stare in ufficio, magari accucciato sotto la scrivania anche in situazioni di stress.
Sempre durante il corso, anche il proprietario dovrà dimostrare di conoscere le principali esigenze del cane, il suo comportamento e le leggi sulla condotta.
Alla fine uno speciale certificato garantisce l'idoneità del cane a frequentare l'ufficio con suo padrone. Ultimo ostacolo: convincere il capoufficio.

28.11.2008

A che eta' educarlo?

Oggi rispondiamo ad Antonella che ci chiede aiuto per il suo Asterix meticcio di 2 anni. Quando il cane era piccolo Antonella voleva fare con Asterix un corso di addestramento ma al tempo le dissero che era troppo giovane invece ora all'età di 2 anni le dicono che è troppo tardi. Antonella è un po' confusa.
"Cara Antonella purtroppo devo dire che ti hanno dato delle informazione, a mio parere, non corrette!
L'educazione del cane può iniziare già a 2 mesi e mezzo di età con le Puppy Class, ovvero, degli incontri in cui si impara ad impostare correttamente il rapporto con il proprio cane. Questo proprio perché i primi mesi di vita di un cane sono i più importanti.
In seguito alle Puppy Class ma a anche a prescindere da queste, nel senso che non devono per forza essere due cose collegate, intorno ai 6/7 mesi di età si può iniziare con un corso di educazione di base. In questo corso vengono insegnati i comandi base per una buona convivenza: il seduto, il terra, il richiamo etc.. etc.. tutti comandi necessari per avere un cane educato.
Quindi ribadisco che per Asterix non è assolutamente tardi, per un corso di educazione di base non c'è età! Anzi ti consiglio di trovarne presto uno… perché a quanto mi hai detto Asterix non torna al richiamo, un aspetto da non sottovalutare affatto!
Quindi Antonella non ti scoraggiare, fammi sapere esattamente qual è la città in cui vivi e ti consiglierò io un posto dove poter fare qualcosa di interessante con il tuo cagnolone!"
Per chiedere consigli prontofido@prontofido.net

27.11.2008

Per natale adotta un cane dal canile

Riempi la tua casa d'amore, adotta un cane dal canile è la campagna che AIDAA e PRONTOFIDO hanno lanciato in questi giorni, Ce ne parla Lorenzo Croce Presidente dell'AIDAA:
"Questa campagna si rivolge a coloro che vogliono adottare un cane da un canile o farlo adottare ai propri cari. AIDAA attraverso il proprio gruppo di educatori cinofili, mette a disposizione di chi vuole adottare un cane da un canile, un consulto gratuito online per individuare insieme il cane o il gatto da adottare e per evitare che questo possa ritornare al canile o essere abbandonato per la strada nei prossimi mesi.
Vale la pena ricordare che sono 150.000 i cani che vivono nei canili italiani e che sono in cerca di padrone, e che il prossimo anno saranno almeno 20.000 quelli che se non adottati rischiano di morire di fame.
Inutile sottolineare che i rischi sono quelli di vedere un'importante aumento del randagismo, specialmente al sud dove i comuni non versano i quattrini per il mantenimento dei cani nei canili, e in via subordinata la morte per fame o la vita di stenti per migliaia di cani e probabilità tutt'altro da escludere la morte in camera a gas per alcune migliaia di cani già a partire dal prossimo inverno.
Una pratica questa proibita ma che viene regolarmente utilizzata in alcune parti d'Italia quasi sempre senza che nessun magistrato intervenga per far rispettare ai comuni il pagamento delle rette ai canili per il mantenimento dei randagi e ancora peggio per fermare il massacro di migliaia di cani.
Non vogliamo fare allarmismo, ma la situazione è davvero drammatica."


Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.