**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

19.8.2018

I grandi squali balena

Parliamo oggi dei grandi squali balena che sembrano essere scomparsi dagli oceani del pianeta. Lo denuncia uno studio pubblicato su Royal Society Open Science, che chiarisce come fino a dieci anni fa fosse normale avvistare esemplari lunghi circa 15 metri, mentre oggi è raro vederne uno da 7.
Dieci anni fa gli squali balena abitavano le calde acque oceaniche ed erano presenti dal Belize all'India, oggi sono avvistabili solo nel Pacifico orientale. Questi grandi pesci d'acqua salata rimangono per buona parte avvolti nel mistero dato che non si hanno informazioni sulla consistenza mondiale della popolazione. I ricercatori ipotizzano che questa tendenza sia dovuta prettamente alla pesca intensiva: anche se la specie è protetta in più Paesi, ci sono diversi uccisioni riconducibili alla pesca accidentale o illegale.
Resta comunque inconfutabile il fatto che gli avvistamenti dello squalo balena, attualmente classificato come specie vulnerabile dall'Unione Internazionale per la Conservazione delle Specie, siano diminuiti. Secondo quanto riportato recentemente da National Geographic, altri dati raccolti dall'industria ittica cinese e di Taiwan confermerebbero la diminuzione nelle dimensioni medie della specie.

18.8.2018

Vigili e unità cinofile a Genova

Oggi è una giornata speciale, è il giorno dei funerali per le vittime della tragedia del ponte Morandi a Genova. E qui al magazine degli animali vogliamo ricordare le unità cinofile pronte ad aiutare i preziosi soccorritori nelle attività di ricerca tra le macerie.
Sono tanti i quattrozampe arrivati da diverse zone d'Italia: partiti da Mestre il nucleo cinofilo composto dal cane Border Collie Jeffrey e dal proprio conduttore. Dal comando friulano di Pordenone si sono uniti al nucleo del Veneto, un vigile del fuoco con il cane Greta, mentre sono partiti dal comando di Belluno il cane Jacob, un Retriever insieme al proprio conduttore. Da Padova il cane Lapo, un Labrador di tre anni con il proprio conduttore. Dalla Valchiavenna l'unità cinofila volontaria dei vigili del fuoco del distaccamento di Mese (Sondrio), con Artù, un pastore australiano di nove anni. Anche dalle Marche sono partite per Genova tre unità cinofile - tre cani, conduttori e mezzi al seguito - da Ancona, Pesaro e Macerata per supportare le attività di ricerca. E poi ancora quattro cani e quattro conduttori dei comandi di Perugia e di Terni, unità già impegnate nelle zone colpite dal sisma del 2016 nel centro Italia. L'elenco poi continua con le tante unità cinofile intervenute dal Piemonte, dalla Toscana, dal Lazio. Uomini e quattrozampe protagonisti di gesti eroici, che mettono a rischio le loro vite per salvare quelle degli altri.
E oggi, qui al magazine degli animali, in questa giornata speciale vogliamo rivolgere un pensiero e un ringraziamento anche a loro.

12.8.2018

Intossicazioni alimentari

Le intossicazioni alimentari non sono un problema solo umano: anche i nostri amici a quattro zampe sono a rischio, se mangiano cibi che sono contaminati da batteri. Due di questi, Salmonella e Listeria, sono particolarmente pericolosi sia per gli uomini che per cani e gatti. E il principale fattore di rischio è mangiare alimenti crudi.
A lanciare l'allerta sono gli esperti della Food and Drug Administration (Fda) statunitense. Il cibo crudo, per i “pet”, «è rappresentato principalmente da carne, ossa e organi crudi – che possomo contenere microrganismi a rischio infezioni. Non solo, il cibo crudo può far stare male i nostri animali anche se non viene manipolato correttamente. Gli esperti non credono che l'alimentazione con cibi crudi per gli animali domestici sia coerente con l'obiettivo di proteggere il pubblico dai rischi significativi per la salute». Ecco perchè l'agenzia raccomanda la cottura di carne e pollame per uccidere i batteri nocivi prima di dare la “pappa” al cane o al gatto.
Gli esperti ricordano inoltre i sintomi di salmonellosi negli animali, che sono: vomito, diarrea, febbre, perdita di appetito, diminuzione del livello di attività. Mentre i sintomi della listeriosi sono nausea, diarrea, febbre, a volte disturbi neurologici. E ricordano: «Anche se il cane o il gatto non si ammalano, possono diventare portatori di Salmonella e trasferire i batteri nell'ambiente, e quindi le persone possono ammalarsi dal contatto con l'ambiente infetto».
Ricordiamolo quando prepariamo loro la pappa

11.8.2018

Dimmi del tuo cane e ti dirò chi sei

Secondo alcuni ricercatori inglesi, noi umani siamo subconsciamente attirati dagli animali le cui caratteristiche psicologiche assomigliano alle nostre.
Attraverso un questionario gli studiosi hanno indagato sulle caratteristiche caratteriali di alcuni intervistati e comparato poi i risultati con quelli dei tratti caratteriali comunemente riconosciuti nelle razze di cani più diffuse nel Paese. Ai padroni sono state poste domande su 5 risvolti del loro carattere: l'essere estroversi, la gradevolezza del temperamento, la stabilità emotiva, l'essere coscienziosi e l'intelligenza. A seconda delle stesse caratteristiche nelle diverse razze canine, i ricercatori hanno compilato una specie di elenco di personalità e tipologie di animali. Osservare il cane prima del padrone, potrebbe, in molti casi, aiutarci a capire di più sull'umano che porta al guinzaglio l'animale.
Qualche esempio?
I cani da caccia vantano gradevolezza di temperamento e quindi sono perfetti per padroni dalle stesse caratteristiche. I terrier sono meno stabili emotivamente: interessante risvolto per una padrona famosa come Audrey Hepburn. Dalmata, bulldog e spitz sono famosi per essere coscienziosi. Intelligenti e creativi sono i cagnolini “giocattolo” di piccola taglia, come appunto il volpino e i carlini. Sono intelligenti e amorevoli i cani da lavoro, come San Bernardo, rottweiler, boxer, alani. I bracchi come il beagle o il bassett hound vengono scelti da padroni che, come loro, sono emotivamente stabili: Nella vasta famiglia dei cani da pastore, dal tedesco al belga fino al piccolo corgi, si trovano caratteri noti per l'estroversione: possiede un piccolo corgi, per esempio, la regina Elisabetta.
E i bastardini? Niente studi su di loro, prometto che appena ho notizie dedicherò loro un intero magazine.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649650651652653654655656657658659660661662663664665666667668669670671672673674675676677678679680

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.