**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

6.5.2016

Femmine sfruttate in allevamento

Ci ha scritto Luca: "Ho un pastore tedesco femmina di sette anni di nome Bea presa 6 mesi fa da un allevatore. Bea ha fatto 4-5 cucciolate ma ora non serve piu e ho deciso di adottarla. Risultato: è sempre intimorita da tutto e da tutti, non fa nessuna guardia e ogni volta che vede qualcuno va a nascondersi nella cuccia. Si fida solo di me e anche quando la porto in passeggiata ha paura delle persone e degli altri cani anche piu' piccoli. Non so più come fare...aggiungo che non abbaia MAI.
Grazie,Luca." Qui tocchiamo anche l'argomento delle cagne fattrici sfruttate negli allevamenti.
Risponde la dottoressa Sabrina Giussani Medico veterinario esperto in comportamento animale:
"Buongiorno Loredana e a tutti gli ascoltatori, i comportamenti di Bea descritti dal Sig. Luca possono essere legati a un ridotto numero di esperienze realizzate dal cane durante il primo anno di vita. Bea, nata e cresciuta in allevamento, ha conosciuto l'allevatore e la sua famiglia, alcuni cani dell'allevamento (di grossa taglia e di una specifica razza), il box, l'area in cui era lasciata in libertà e poco altro. In quell'ambiente conosciuto e sicuro, Bea era probabilmente capace di abbaiare alle persone in ingresso o ai rumori. Ma, appena varcata la soglia dell'allevamento, la situazione cambia radicalmente poiché il mondo appare sconosciuto e, quindi, pericoloso. Consiglio al Sig. Luca di realizzare una visita comportamentale consultando un Medico Veterinario Esperto in Comportamento Animale per aiutare Bea a conoscere almeno una parte di tutto ciò che ora la circonda; è opportuno considerare che sono trascorsi già sei mesi e la situazione non sembra migliorare. Inoltre, poiché le esperienze di Bea sono molto ridotte, qualora il cane dovesse iniziare ad abbaiare agli estranei potrebbe “esagerare” arrivando anche a mostrare un comportamento di aggressione.
Arrivederci Loredana e a tutti gli ascoltatori."

6.5.2016

Atteggiamento lesivo?

Oggi qui al Magazine degli animali parliamo di un argomento alquanto complesso: l'atteggiamento lesivo. Portare gli animali in ufficio è giusto per loro, quali sono gli accorgimenti da attuare?
A questa domanda così articolata risponde Emanuele Minetti, medico veterinario a Milano
"Fodamentale è conoscere la trasformazione del rapporto uomo-cane nei secoli che è legata alla modificazione della struttura sociale-economica degli uomini della società.
Ricordiamo brevemente i passaggi evolutivi principali dal primo incontro tra l'homo sapiens ed il lupo, che la ricerca inserisce tra i 100.000 e i 50.000 anni orsono, e le conseguenti modificazioni filogenetiche che porteranno dal lupo al cane:
a) interazione arcaica: si basa sul mutuo vantaggio, sulla possibilità da parte dell'animale di trovare più facilmente del cibo, ntre per l'uomo di aumentare la sicurezza del gruppo con la vigile presenza dell'animale;
b) interazione economico-funzionale: coincidono la "domesticazione" da parte dell'uomo allevatore-agricoltore e la trasformazione del cane in soggetto da lavoro e/o da utilità; da qui inizia la creazione delle razze, con importanti differenze morfologiche e comportamentali (caccia, conduttori di greggi, guardiani di armenti, ecc.); purtroppo la visione dell'uomo nei confronti del cane è basata sul meccanicismo, cioè cane in quanto automa;
c) interazione zooantropologica: con il progressivo spostamento delle attività produttive dalla campagna alla città il cane è sempre di più un animale da compagnia, dove viene rispettata la sua alterità e favorite le sue potenzialità cognitive, allontanando la deriva antropoformizzante che spesso caratterizza la relazione.

5.5.2016

Stop ai pet tattoo

Oggi qui al Magazine degli animali una bella novità: lo Stato di New York ha dichiarato guerra ai pet tattoo, i tatuaggi indelebili su cani e gatti non per fini di riconoscimento ma come ornamento. In Parlamento è stata già presentata una proposta di legge per renderli illegali, punendo i padroni con sanzioni che arrivano fino a un anno di carcere e mille dollari di multa.
Ricordiamo che la moda del `pet tattoo´ è un fenomeno recente negli Stati Uniti ma sta prendendo piede rapidamente a giudicare dalle numerose foto che circolano sul Web e che mostrano gatti con tatuaggi sul petto e cani con scritte sul dorso e ghirigori vari sull'addome. Ma il trend è diffuso in Russia e in Asia, dove coinvolge diversi animali, maiali compresi.

4.5.2016

Stop elefanti nel più grande circo americano

Il circo «Ringling Bros and Barnum & Bailey», il maggiore degli Stati Uniti, ha mandato in scena per l'ultima volta sei elefanti asiatici che si sono esibiti a Providence, gli animali trascorreranno il resto dei loro giorni in una riserva in Florida, con un branco di 40 loro simili, e saranno studiati da oncologi per la loro resistenza al cancro. Ricordiamo che gli elefanti lavorano nei circhi americani da 200 anni. Impossibile non ricordare il cartone animato della Disney «Dumbo», una struggente storia di emarginazione e riscatto ambientata proprio fra gli elefanti di un circo.
La decisione del Ringling Barnum è venuta a seguito di una maggiore sensibilità animalista del pubblico e del divieto emesso da decine di Comuni americani dell'uso dei bastoni con gancio, usati per addestrare gli elefanti. Un divieto che ha reso difficile per i circhi portare in tour questi animali. Nella riserva in Florida dove andranno a vivere, parteciperanno a un progetto di ricerca contro il cancro dell'Università dello Utah. Questa malattia è meno frequente in questi animali che nell'uomo, e le loro cellule posseggono 20 copie di un gene anti-cancro, contro l'unica dell'uomo.
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.