**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

23.12.2015

I nostri amici

Sappiamo benissimo, e l'abbiamo ripetuto più volte qui al Magazine degli animali, che un cane è un autentico toccasana per un single. Se a qualcuno può sembrare troppo impegnativo Spartia Piccino, presidente dell'associazione Pet Therapy suggerisce altre compagnie di piccoli animali meno faticose.
Il coniglio per esempio calma l'ansia. Indifeso e tenero non provoca reazioni di paura e accudirlo favorisce il senso di responsabilità. Gli studi hanno visto che quando lo si accarezza la pressione scende.
Passiamo al pappagallo vero e proprio antidepressivo. Il suo carattere socievole favorisce il buonumore. In più stimola l'attenzione e la capacità di concentrazione del padrone.
I pesci invece combattono lo stress. Pare infatti che osservare un acquario e i suoi abitanti aiuta a sviluppare nell'organismo sostanze antistress che abbassano il battito cardiaco, riducendo tachicardie e tensioni muscolari.
Tutto chiaro? Non ci sono più scuse per non adottare subito un animale. E' tutto

22.12.2015

Cina: miliardario salva 2000 cani

Tutto è cominciato quando Wang Yan, un imprenditore di 29 anni, ha perso il suo cane. L'ha cercato disperatamente per settimane, ma senza risultato. Così ha tentato l'ultima strada: il macello dei cani della sua città, Changchun, nel nord-est della Cina. Lì non ha trovato il suo cucciolo, ma ha scoperto l'orrore dei mattatoi cinesi. Cani presi a bastonate e trascinati per terra per poi essere sgozzati, mentre altri, ancora coscienti, morivano dissanguati.
Per l'imprenditore miliardario, che gestisce un'azienda siderurgica, vedere con i suoi occhi la tragica uccisione degli animali è stato uno choc. A tal punto che ha deciso di utilizzare tutti i suoi risparmi per salvare il maggior numero di quattro zampe a Changchun, e nelle città limitrofe. Nel 2012 ha acquistato un mattatoio in disuso per trasformarlo in un rifugio randagi, il «Changchun animal rescue». Dalla nascita della struttura ad oggi, Wang Yan è riuscito a salvare oltre duemila animali, che erano destinati al macello e alla vendita al mercato. «Oggi al rifugio ci sono 215 ospiti - dice l'imprenditore - la maggior parte sono stati salvati dai volontari e portati qui». L'amore per i quattro zampe ha portato l'imprenditore ad indebitarsi pur di poter mantenere il rifugio, e acquistare crocchette, medicine, e pagare le spese di vaccinazione. Ma lui si dice felice della sua scelta: «Non accetto donazioni in denaro - racconta - mi affido al buon cuore delle persone che vogliono donare cibo e aiuti». Ricordiamo che la carne di cane è un piatto tradizionale della cultura cinese, che secondo le superstizioni migliora la fertilità maschile e allontana gli spiriti maligni. Ogni anno in Cina ne vengono macellati circa 18 milioni, specie durante il periodo del festival di Yulin.

21.12.2015

Bagnetto al cucciolo

Buongiorno, abbiamo da ieri un cucciolo di Pastore Tedesco di 68gg e ora è in attesa del il secondo vaccino. Volevamo sapere, se potevamo fargli uno sciampo a secco. Abbiamo provato con acqua e aceto come suggerito dall'allevatore ma il risultato e' veramente minimo. Grazie cordiali saluti. Risponde il dottor Emanuele Minetti:
"Buongiorno, non vedo perchè il bagno vero sia un problema. Basta farlo come si deve, senza fare prendere freddo al cane e/o spaventarlo: la pulizia non ammazza nessuno mentre la mancanza di igiene e la sporcizia si. Come si lavano i bambini neonati - usando il buon senso e le giuste precauzioni - si lavano anche i cuccioli di cane.
Prenda appuntamento con un bravo toelettatore e lo porti a fare una veloce lavata, oppure si informi bene come si fa e provveda in casa.
Tenga inoltre presente che il cane può uscire di casa, anche se ha un solo vaccino, perchè bisogna che socializzi e conosca l'ambiente esterno prima che sia troppo avanti con l'età. I rischi di contratte malattie infettive sono minimi, anche perchè ha una immunità dovuta agli anticorpi materni oltre che vaccinale, basta anche qui usare il cervello e non mettere il cucciolo a contatto con cani sconosciuti, o portarlo in luoghi sporchi od ad alto rischio (aree cani, canili, aiuole sporche eccetera). Bisogna sfatare alcune leggende che sono solo legate a vecchi modi di affrontare le cose senza alcun fondamento.
Ne parli con un veterinario serio che possa seguirla per i prossimi anni.Saluti"
Dr Emanuele Minetti DVM SSPV
Viale Monteceneri 64 Milano
www.biessea.com

18.12.2015

Paura botti e fuochi d'artificio

Eccoci arrivati al momento delle grandi feste ed eccoci arrivati anche al momento dei botti e dei fuochi d'artificio. La domanda è d'obbligo: come facciamo ad aiutare i nostri amici terrorizzati da tutto questo?
Niente di meglio del parere della dottoressa Sabrina Giussani Medico veterinario esperto in comportamento animale. Buongiorno dottoressa Giussani:
"Il rumore provocato dallo scoppio dei fuochi d'artificio può lasciare il cane e il gatto indifferenti, spaventarli o terrorizzarli. Quando il cane e il gatto hanno paura, sono attenti a ogni rumore, sono agitati ma si tranquillizzano quando coccolati e si nascondono per breve tempo. Quando, invece, sono terrorizzati, vagano per l'abitazione cercando una via di fuga, si nascondono sotto il letto o in bagno e non si muovono neppure quando chiamati, cercano il nostro conforto ma non si calmano quando accarezzati; il cane, lasciato in giardino, distrugge le persiane, gli stipiti delle porte per rifugiarsi in casa oppure scappa saltando la recinzione della proprietà. Per aiutare i nostri animali è possibile abbassare le tapparelle, accendere la tv o creare un sottofondo musicale e allestire un “rifugio sicuro” nella stanza più silenziosa dell'abitazione. È necessario confortare con la voce e il contatto, il cane e il gatto che si avvicinano a noi per essere supportati. È bene non lasciare gli animali in giardino o sul balcone ma proteggerli all'interno dell'abitazione e rimanere in loro compagnia. Nel caso in cui gli animali fossero terrorizzati, è necessario realizzare una visita presso un Medico Veterinario Esperto in Comportamento Animale poiché i sintomi mostrati sono simili a un attacco di panico. Il percorso riabilitativo permetterà alla famiglia di acquisire le competenze necessarie per supportare il cane e al gatto durante l'evento fobogeno".
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.