**
Torna indietro

Il magazine degli animali

In onda su Radiomontecarlo tutti i giorni alle ore 14,45.

Tutti gli argomenti già trattati

23.10.2015

Si morde la coda

"Buonasera, dottoressa Giussani. Ho un cane pastore tedesco di due anni che da un po` segue la coda in un modo ossessivo ed abbaia verso la coda. Lo fa spesso ed è difficile distogliere la sua attenzione da questa secondo me mania. Cosa mi suggerisce per farlo smettere. la ringrazio. Anna" Risponde la dottoressa Sabrina Giussani, Medico veterinario esperta in comportamento animale:
"Buongiorno Loredana e buongiorno a tutti gli ascoltatori.Il comportamento descritto dalla Sig.ra Anna appare frequentemente nel pastore tedesco e nel bull terrier; sembra che in queste razze sia presente una predisposizione famigliare.
Il cane può fissare, abbaiare, rincorrere e/ o trattenere la propria coda quando si trova in difficoltà o mostra una deficitaria gestione delle emozioni legata alla presenza di una malattia del comportamento. Generalmente l'animale compie qualche giro su se stesso e poi s'interrompe spontaneamente quando vive una situazione emotivamente stressante: il cane così facendo distoglie l'attenzione dal “problema” e ritrova l'equilibrio emozionale. Questa situazione può essere considerata normale. Quando, invece, il cane compie numerose rotazioni o afferra la coda trattenendola e strattonandola e la morde fino a ferirsi, siamo di fronte a una malattia del comportamento o a una patologia organica. Alterazioni a carico del sistema nervoso, una lesione muscolo scheletrica alla colonna vertebrale e così via, possono provocare la comparsa di questi atteggiamenti Consiglio alla Sig.ra Anna di rassicurare il cane quando inizia a guardare la coda, abbassando il tono della voce e carezzandolo dolcemente. È necessario realizzare una visita presso un Medico Veterinario Esperto in Comportamento Animale così da definire l'origine comportamentale o organica del sintomo e intraprendere un percorso terapeutico.























22.10.2015

Scoperto un raro pinguino biondo

Sapevate che esiste il pinguino «biondo»? alcuni turisti hanno infatti scovato un rarissimo pigoscelide dell'Antartide con un cappotto di «piume dorate». Sembra un albino, ma in realtà la colorazione biancastra è dovuta ad una particolarità genetica che lo mette in pericolo da predatori e prede.
A scovare il singolare uccello in una delle isole Shetland Meridionali, in Antartide, è stato il naturalista David Sthepens nel corso di una crociera organizzata da National Geographic. La colorazione di questo pinguino è dovuta al leucismo, una forma di albinismo incompleto. Gli esemplari di pinguino leucistico, infatti, hanno un ridotto livello di pigmentazione e si distinguono dagli albini per i loro occhi pigmentati. L'albinismo, invece, è provocato dalla mancata produzione di melanina.
La foto del singolare uccello ha già fatto il giro del web. La colorazione «slavata» lo distingue chiaramente dal pigoscelide dell'Antartide, col caratteristico piumaggio simile ad uno smoking. Per loro, tuttavia, quel cappotto chiaro può essere uno svantaggio non indifferente: di fatto risultano più visibili per i predatori dell'oceano ma anche per le prede.

21.10.2015

Circo chiuso nel Galles

Vittoria per gli animalisti: lo show del circo itinerante di Thomas Chipperfield, che aveva al suo interno uno spettacolo con tigri e leoni è stato annullato. E' successo in Galles, nella città di Porthcawl. Alcuni attivisti della «Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals», si sono opposti pubblicamente allo spettacolo dopo aver documentato lo stato di salute di due leoni e tre tigri, obbligate ad esibirsi con alcuni «trucchi di magia» per fare divertire il pubblico. Non ci dovrebbe più essere posto, nella società moderna, per i circhi che obbligano gli animali selvatici ad entrare in scena con il solo scopo di attrarre bambini e famiglie - ha detto l'associazione animalista -. Questo sfruttamento deve finire». I complessi bisogni degli animali selvatici, secondo loro, non possono essere adeguatamente soddisfatti in una pedana sotto i riflettori. Uno dei direttori del circo, ha espresso il suo dissenso riguardo alla cancellazione dello show in Galles, incolpando chi si preoccupa troppo per la salute delle sue tigri e leoni. Per gli animalisti che si sono opposti al «Chipperfield», gli animali hanno gli stessi diritti degli umani, e per questo vanno tutelati. «Sono gli addestratori - dicono - a doversi aggiornare ed evolvere, eliminando gli animali dalle performance». Vi ricordo che sono già quaranta i Paesi che nel mondo hanno vietato ai circhi di utilizzare animali. E' il caso del Belgio e dell'Austria, dove il divieto è nazionale, mentre in Spagna sono banditi solo in alcune città, come Barcellona.

20.10.2015

Uccello dal becco d'avorio

Come tutti sanno l'avorio delle zanne degli elefanti è la merce illegale più nota sul mercato nero. Però esiste un tipo di “avorio” ancora più prezioso, il becco del bucero dall'elmo, una rara specie di uccello che vive nella foresta pluviale dell'Asia orientale.
Tra il 2012 e il 2014 ne sono stati confiscati addirittura 1.110 dalla polizia indonesiana e, secondo gli esperti, ogni anno vengono uccisi circa 6 mila buceri. Questo massacro però è impossibile da fermare, viste le altissime quotazioni di questo “avorio”: sul mercato nero vale circa 6mila euro al chilogrammo. Tre volte di più dell'avorio delle zanne di elefante.
Il volatile è difficilissimo da avvicinare, pesa circa 3 chili e il suo particolarissimo becco arriva a pesare trecento grammi, il 10% del peso dell'animale. Per questi uccelli il becco è sia un'arma che lo strumento per cercare vermi e insetti dai tronchi degli alberi. I buceri sono molto timidi e vivono nascosti nella boscaglia e ne hanno ben ragione: da secoli vengono cacciati e uccisi a migliaia dai bracconieri, che poi rivendono il loro teschio soprattutto in Cina.
Anche il suo habitat naturale è a rischio, perché le foreste pluviali dove vive si stanno riducendo del 3% ogni anno. Per questo, l'Unione internazionale per la conservazione della natura lo ha inserito tra le specie “minacciate, da tenere sotto controllo nel caso di ulteriore riduzione della popolazione”
Volete vedere il timido bucero dell'elmo?
Pagina  123456789101112131415161718192021222324252627282930313233343536373839404142434445464748495051525354555657585960616263646566676869707172737475767778798081828384858687888990919293949596979899100101102103104105106107108109110111112113114115116117118119120121122123124125126127128129130131132133134135136137138139140141142143144145146147148149150151152153154155156157158159160161162163164165166167168169170171172173174175176177178179180181182183184185186187188189190191192193194195196197198199200201202203204205206207208209210211212213214215216217218219220221222223224225226227228229230231232233234235236237238239240241242243244245246247248249250251252253254255256257258259260261262263264265266267268269270271272273274275276277278279280281282283284285286287288289290291292293294295296297298299300301302303304305306307308309310311312313314315316317318319320321322323324325326327328329330331332333334335336337338339340341342343344345346347348349350351352353354355356357358359360361362363364365366367368369370371372373374375376377378379380381382383384385386387388389390391392393394395396397398399400401402403404405406407408409410411412413414415416417418419420421422423424425426427428429430431432433434435436437438439440441442443444445446447448449450451452453454455456457458459460461462463464465466467468469470471472473474475476477478479480481482483484485486487488489490491492493494495496497498499500501502503504505506507508509510511512513514515516517518519520521522523524525526527528529530531532533534535536537538539540541542543544545546547548549550551552553554555556557558559560561562563564565566567568569570571572573574575576577578579580581582583584585586587588589590591592593594595596597598599600601602603604605606607608609610611612613614615616617618619620621622623624625626627628629630631632633634635636637638639640641642643644645646647648649

Se volete comunicare con noi scrivete alla redazione di prontofido.