**

Pippo

La tv a volte può essere utile e quando ci sono programmi di denuncia che si occupano degli esseri indifesi diventa addirittura efficace: ieri sera guardando "Striscia la notizia" sono stato attratto dalla storia di Pippo, un dolcissimo cagnolone adottato da un intero quartiere ma che subisce maltrattamenti da parte di qualche inquilino che vorrebbe eliminarlo dalla faccia della terra...
Il povero Pippo (questo il nome del cucciolone) non solo non ha una dimora che lo protegga dalle intemperie metereologiche e umane, ma viene preso a scarpate continuamente da persone senza scrupoli! Ancora una volta noi uomini ci crediamo esseri superiori, ma ancora non abbiamo capito che di punto in bianco potremmo essere noi a chiedere asilo e aiuto, le
pseudo-sicurezze che ci circondano potrebbero svanire da un momento all'altro!!!

Commenti alla notizia

Scritto da Andre Cento il 22.1.2009 alle 00:55:46

Secondo me, non si tratta del fatto che prima o poi potremmo essere noi a chiedere asilo...
Più che altro mi chiedo: davvero a prendere a scarpate un cane ci si sente superiori? Non so, ma quelle poche volte che davo una pacca (non una scarpata) al mio cane perché faceva l'asino mi sentivo non bene, mi dava fastidio farlo. Ma sapete anche voi che a volte non se ne può fare a meno, deve capire che non può distruggermi i panni stesi in giardino.
Però il punto è che secondo me non si è per nulla superiori a picchiare un animale, si dimostra solo di essere esseri che per farsi capire hanno solo la violenza. Dovrebbero davvero esistere leggi ed istituzioni che colpiscano coloro che maltrattano cani, gatti o anche solo un topo. Sono persone che non servono a nulla nella società, anzi, sono deleterie.
E la revisione dei fondi che la finanziaria 2009 ha stanziato per gli anni a venire dimostra che non vi è nessuna attenzione a questi drammi, non ci si preoccupa nemmeno di contenerli o prevenirli. Davvero imbarazzante, a mio avviso.

Scritto da didi il 20.1.2009 alle 19:27:20

il video è visibile anche sul sito di striscia, è la 100 puntata. mi sembra assurdo che con tanto d'immagini e video della persona che maltratta il cane nn sia possibile fare niente.. il brutto che un'isterica del genere è capace di fare di tutto.nn ci dovrebbe essere bisogno di striscia per questi episodi...


Inserisci il tuo commento

Nome e Cognome*:
Email (non sarà pubblicata)*:
Commento*:
Numero dei caratteri ancora disponibili:


Codice di controllo*: Scrivi la cifra che leggi nell'immagine qui sopra

* Campi obbligatori

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog.
Non sono consentiti: messaggi non inerenti al post , messaggi privi di indirizzo email , messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome) , messaggi pubblicitari , messaggi con linguaggio offensivo , messaggi che contengono turpiloquio , messaggi con contenuto razzista o sessista , messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.
La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003):
Per poter postare un commento, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome che vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, mentre l'indirizzo e-mail non verrà pubblicato. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all' art. 7 del D.Lgs. 196/2003.