**

Gatte da laboratorio pronte per essere adottate

La speranza di una vita libera e dignitosa può diventare realtà anche per gli animali nati e vissuti in un laboratorio, dove sono stati sottoposti a sperimentazioni dolorose: è accaduto, di recente, a 70 gatte sottoposte a test per verificare l'efficacia di vaccini per la FIV (immunodeficienza felina) e poi salvate grazie a un programma di riabilitazione fisica e psicologia, svolto da I-Care con il sostegno della LAV. Le prime 6 gatte sono state già felicemente adottate e le altre sono in cerca di una famiglia: è possibile candidarsi per l'adozione o comunque sostenere questo progetto collegandosi a www.lav.it o scrivendo a info@icare-italia.org
Le 70 gatte, identificate con numeri nell'artificiale solitudine di uno stabulario, tenute per anni in piccole gabbie lontano dal loro ambiente naturale e private delle loro necessità etologiche, hanno subito iniezioni, prelievi e controlli continui. Sono state sottoposte a continui test per la FIV, o immunodeficienza felina, indotta da un virus simile a quello che provoca l'AIDS nell'uomo, anche se non è trasmissibile alla nostra specie, e provoca un lento indebolimento del sistema immunitario, rendendo il corpo vulnerabile anche al più banale raffreddore o agente esterno. Ma adesso, dopo un periodo di recupero fisico e riabilitazione psicologia, durante il quale hanno sviluppato la muscolatura, imparato a saltare e interagire con i propri simili e l'uomo, sono pronte per trovare l'affetto di una famiglia.
Come loro in Italia vivono chiusi nei laboratori migliaia di animali (cani, conigli, primati, cavalli, ratti, mucche, maiali, rettili, uccelli, pesci, ecc.) fatti nascere per il solo scopo sperimentale e cresciuti in piccole gabbie dove li attendono iniezioni, malattie artificialmente indotte, fratture, prelievi, suture e ogni genere di deprivazione psicologica e fisica, lontani dalla dignità di una vita naturale e privati della libertà. Un fenomeno europeo e mondiale che purtroppo non tende a diminuire. Per fare solo un esempio e sottolineare l'assurdità, l'inutilità scientifica e la non eticità della sperimentazione animale, si ricorda come sia stata recentemente effettuata una procedura (della durata di 12 settimane) su alcuni gatti, che ha comportato l'immobilità e l'inserimento di elettrodi negli occhi e nel cervello per verificare il movimento oculare nella fase REM del sonno, dato già noto nell'uomo fin dal 1953 e totalmente inutile per le conoscenze scientifiche legate alla ricerca.
Lo stabulario dal quale provengono le 70 gatte, era l'ultimo in Italia ad utilizzare questi felini, fatto che rappresenta un importante ed incoraggiante passo verso l'abolizione del modello animale nella ricerca.
“Purtroppo, però, la legge italiana consente ancora l'utilizzo di questi animali – paradossalmente tra i più diffusi nelle nostre case, insieme ai cani - e nell'attesa di un divieto legislativo, auspichiamo che non vengano rilasciate dal Ministero della Salute nuove autorizzazioni a scopo sperimentale, anche se al momento non risultano nuove richieste”, dichiara Michela Kuan, biologa, responsabile LAV settore Vivisezione.
“A livello europeo la situazione assume dimensioni ancora più sconvolgenti: sono 4.000 i gatti e 21.000 i cani utilizzati ogni anno a scopo sperimentale, spesso randagi e riutilizzati più volte per esperimenti fortemente invasivi, come i test chimici (che comportano bruciature, corrosioni, avvelenamenti, ecc.) e le investigazioni sul cervello - sottolinea Michela Kuan - Non solo, il 30% dei cani e gatti utilizzati nei laboratori europei viene fatto nascere in stabilimenti allevatori di altri Paesi e sono trasportati, da cuccioli, per centinaia di chilometri prima di arrivare alla loro ultima destinazione: il laboratorio. Eppure esistono metodi alternativi (che non utilizzano animali) validati, efficaci sul piano scientifico ed etici: indubbiamente è in questo campo che la ricerca deve investire maggiormente e concentrare i suoi sforzi”.



Commenti alla notizia

Scritto da il 26.3.2014 alle 14:00:43

This inhsgit's just the way to kick life into this debate.

Scritto da il 17.12.2011 alle 14:34:28

That insight would have saved us a lot of eoffrt early on.

Scritto da Luis Saia il 27.5.2010 alle 21:05:06

Certo è, per me, che "commentare" una notizia così in maniera dignitosa non è facile, ma desidero farlo perchè è cosa giusta, che qualcuno legga! Siamo quasi a metà 2010 e ogni giorno si parla di progresso e di grandi novità nel campo medico, sulla pelle di chi? E per la pelle di chi, la nostra? Allora non voglio essere considerato un'essere umano. No grazie, NON VOGLIO! Chi mi chiama Animale mi fa un complimento, infatti la parola Animale deriva dal latino Anima, ovvero principio vitale di TUTTI gli esseri esistenti, non solo umani. La notizia dichiara che esistono metodi alternativi per la ricerca, ma evidentemente questi scienziati non né sono al corrente oppure hanno un alto "buon gusto" alla tortura. Ma si può? Sì, si può! Fortunatamente, lo stabulario, locale di un istituto di ricerca scientifica o di laboratorio, in cui si allevano animali a scopo di studio e osservazione (l'ho scritto perchè io non conoscevo la parola) era l'ultimo in Italia, ma non in Europa e nel resto del Mondo. Le cose DEVONO cambiare! Sono convinto che la maggior parte degli scienziati che svolgono questo ingrato compito, lo facciano con la "morte nel cuore", ma purtroppo, la nostra società obbliga per alcuni versi ad accettare lavori che vanno contro la propria etica, semplicemente per mantenere la famiglia o poter mangiare. Non li colpevolizzo, li invito a pensare. Tutti insieme, scienziati e non, possiamo cambiare le cose, senza timori o assemblamenti che possono sfociare in risse inutili. Non servono. Vecchia e sempre validissima frase: L'UNIONE FA LA FORZA! La forza intelligente, quella dell'ANIMA!!! P.s.: ora come ora purtroppo non posso permettermi di adottare una o anche due di queste dolcissime gatte, per questioni finanziarie, e mi piange il cuore. Veramente! Sono 2 anni che aspetto di riaverne almeno una insieme a me. Anticipatemi e fatelo!


Inserisci il tuo commento

Nome e Cognome*:
Email (non sarà pubblicata)*:
Commento*:
Numero dei caratteri ancora disponibili:


Codice di controllo*: Scrivi la cifra che leggi nell'immagine qui sopra

* Campi obbligatori

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog.
Non sono consentiti: messaggi non inerenti al post , messaggi privi di indirizzo email , messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome) , messaggi pubblicitari , messaggi con linguaggio offensivo , messaggi che contengono turpiloquio , messaggi con contenuto razzista o sessista , messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.
La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003):
Per poter postare un commento, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome che vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, mentre l'indirizzo e-mail non verrà pubblicato. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all' art. 7 del D.Lgs. 196/2003.