**

Sono un genitore adottivo

Sono un genitore adottivo e vorrei segnalare che la vostra bella iniziativa utilizza in alcune sezioni e contesti il termine "adottare" in un modo che riteniamo (io e altri genitori adottivi) inappropriato.
Mia figlia ha 5 anni, ma già stiamo affrontando i temi legati alla sua storia ed alla nostra 'diversa' genitorialità. Il fatto di sentire alla radio che si adottano i cani non la aiuterà a chiarisi le idee. Perchè non fate la pubblicità dicendo "Diventa papà e mamma di un cane"? ovviamente perchè vi suona inappropriato, esattamente come a me, genitore adottivo, suona inappropriato parlare di adozione di un animale.
Adottare significa diventare genitore , che è ben diverso dal prenedersi cura (cosa auspicabile e rispettabilissima) di un animale.
Ho l'impressione che Voi abbiate deicso di usare questo termine perchè nobilita la vostra attività, ma parallelamente squalifica quello che è il vero senso dell'adozione.
Mi auguro che questa mia segnalazione sia per Voi spunto di riflessione e Vi porti a cambiare termini, evitando così di rendere più difficile il lavoro alle migliaia di veri genitori adottivi che ci sono in Italia. Auguri di Buon Natale

Commenti alla notizia

Scritto da mo li il 15.10.2015 alle 00:48:16

Alla ricerca di persone che amano i cani! Io sono uno studente, il mese prossimo negli Stati Uniti per un mese. Chi può aiutarmi a ottenere il mio cane? Yorkshire 10 mesi

Scritto da mo li il 15.10.2015 alle 00:47:06

Alla ricerca di persone che amano i cani! Io sono uno studente, il mese prossimo negli Stati Uniti per un mese. Chi può aiutarmi a ottenere il mio cane? Yorkshire 10 mesi

Scritto da il 29.1.2012 alle 04:35:11

Your aesnwr lifts the intelligence of the debate.

Scritto da BARBARA GES il 24.1.2011 alle 20:32:24

Caro genitore "adottivo " se la infastidisce che per un cane o in gatto venga usata questa terminologia mi dispiace.
Ma credo che il problema risieda in Lei .
Forse perchè non è riuscito a diventare genitore di un figlio naturale ,la parola adottivo le fa quasi orrore.
Ma si è genitori nel momento in cui si ama un figlio a prescindere da tutto .Ne parli con qualcuno perchè questa sua affermazione denota delle problematiche da risolvere.
Sulle adozioni di animali non mi soffermo,a volte gli animali danno piu' degli esseri umani (compresi i figli ) e mi dispiace per chi non condivide questa gioia tanto bella quanto avere (o adottare ) figli

Scritto da dorothy brunello il 3.1.2011 alle 20:45:12

Io penso che il modo migliore per crescere sua figlia adottiva senza farla sentire diversa è volerle bene e offrirle tutto ciò di cui ha bisogno ma soprattutto la inviterei a non farla crescere con l'idea che un animale è da considerare un essere inferiore, ma un essere vivente diverso da noi che ha necessità come noi esseri umani quali l'affetto ed il bisogno di qualcuno che si prenda cura di lui quindi una persona che lo adotti e che gli offre tutto quello di cui ha bisogno come lei fa con sua figlia.

Scritto da robj56 il 3.1.2011 alle 17:48:30

caro genitore,non dico adottivo perche secondo me è nel suo caso che non si deve specificare nulla.chi adotta un cane non deve dimostrare nulla ,deve solo amare.mi dispiace per lei che si senta offeso di una parola che viene comunemente usata addirittura per monumenti,paesi ecc...le differenze di genere offendono chi le fa,lei ami la sua bambina come ègiusto che sia,e quando vorra adotti un cane che cresca assieme a lei,vedra che sarà un bellissimo regalo auguri

Scritto da michela aloigi il 1.1.2011 alle 19:51:09

Salve, io sono un genitore" adottivo" come si definisce lei, di uno splendido ragazzino russo
Sono genitore da 10 anni e ho dovuto e devo superare diverse difficoltà quindi posso capire le sue; nonostante questo il primo passo da fare è proprio quello di non usare la parola" adottivo".
Un genitore è genitore e basta! Io sono madre di un figlio "adottivo" di un figlio "naturale" e ho aumentato la famiglia con una splendida cagnolina che amo molto. Non si faccia condizionare la vita da un semplice aggettivo, l'amore ha tante facce e si può amare molto anche un cane, un compagno di vita stupendo, anzi "adotti" un cane per sua figlia che così capirà amandolo che non è poi una parola così brutta! Auguri Michela

Scritto da Sonia il 1.1.2011 alle 16:18:54

Penso che lei sia un genitore in po' insicuro, non si scoraggi e vedra' che sua figlia capira' benissimo la differenza fra adottare un animale e adottare un bambino, in tutti e due i casi, si ama e ci si occupa in tutto e per tutto di un essere vivente che si ama.

io sono mamma di due bimbi e ora vorrei diventare mamma di un cane abbandonato, sinceramente non trovo nulla di male o di inappropriato dire MAMMA in entrambi i casi, senza nulla togliere alla dignita' umana.

saluti Sonia

Scritto da daria belmonte il 30.12.2010 alle 14:30:28

ciao, a volte rimango proprio basita da quello che leggo in giro. caro il mio genitore adottivo, non credo che le ADOZIONI dei cani o di qualsiasi altro animale possano venire a nuocerti nell'educazione della tua bimba. E nemmeno i termini non usati bene, come dici tu, possono influenzare negativamente il tuo scopo. Evviva le adozioni, di bimbi, animali, vecchi e qualsiasi altro essere vivente abbia bisogno. E dovresti solo essere orgoglioso del tuo gesto e vantarti della tua "diversità", rendendo partecipe tua figlia e la tua famiglia. La tua diversità, come la chiami tu, ti fa onore e deve essere vista solo per quello che è, un grande gesto di amore. Ma non ti attaccare per favore a queste cavolate di terminologie forvianti (per te) solo perchè usate su animali piuttosto che bambini, o solo per paura di non essere accettato come vero genitore. ma chi è un vero genitore? colui che si prende cura di una creatura, la educa, l'accompagna e non gli fa mancare nulla. Bene, tu sei un genitore... Noi che ADOTTIAMO gli animali, siamo genitori.. BENVENUTO e sii fiero di questo. anzi, insegna da subito a tua figlia a rispettare il prossimo, ma soprattutto gli animali in quanto sono più indifesi di noi in questo mondo in cui l'essere umano usurpa ogni cosa. Buon anno e tante buone cose! daria.

Scritto da alice il 27.12.2010 alle 10:59:35

scusate.. rileggendo mi sono accorta di aver fatto un errore,
"capisco la differenza tra animale e bambino, ma ti assicuro che quando un QUALCUNO entra a far parte di una famiglia ne diventa membro in tutto e per tutto, con diritti e doveri, che esso sia un bambino o un cane."

Scritto da alice il 27.12.2010 alle 10:54:34

ciao,
posso capire il tuo punto di vista, ma ti chiedo di allargare le tue vedute. capisco la differenza tra animale e bambino, ma ti assicuro che quando un animale entra a far parte di una famiglia ne diventa membro in tutto e per tutto, con diritti e doveri, che esso sia un bambino o un cane. far parte di una famiglia comporta un ruolo, che anche il cane nel suo piccolo svolge. quindi ti consiglio di spiegare a tua figlia che non importa il passato ma il presente, il costruire qualcosa insieme, il senso vero di famiglia e del termine adozione. che non cè distinzione, il termine adozione è sinonimo di amore incondizionato, di responsabilità, di educazione e impegno. quando si adotta un bambino gli si cambia la vita. lo stesso avviene ad un cane, ad un gatto, cambiano solo le esigenze da rispettare e le risorse da dedicare. a 5 anni hanno una mente molto elastica, aprofittane per spiegarle l amore, questa distinzione che fai è solo una tua limitazione, non di tua figlia. questo è solo un punto di vista, difficile da approfondire in questa sede, ma può essere spunto di riflessione. non siamo tutti uguali.. ma cè chi ama il suo cane o gatto o canarino più degli esseri umani. tu in questo momento ami tua figlia, hai occhi e testa solo per lei. cè chi prova lo stesso per un cane in questo momento. quindi? quindi il termine adozione secondo me può essere utilizzato tranquillamente sia da te che da chi ama il suo cane, perchè alla fine è solo un contenitore per definire un aspetto della parola amore. ma sta a te che sei adulto spiegarlo ad una bimba.
buone feste.

Scritto da Annalisa il 23.12.2010 alle 17:20:07

Concordo pienamente con quanto detto da Cinzia e Ale ..io sono fiera di essere la mamma adottiva del mio beagle e credo che non ci sia differenza tra adottare un figlio o partorirlo dal momento che comunque ti assumi la responsabilità di crescerlo amarlo ed educarlo secondo i valori che ti sono stati da sempre insegnati.
Trovo che sia assolutamente una discussione assurda. Buon Natale a tutti

Scritto da Cinzia Bertoni il 23.12.2010 alle 10:18:45

Io penso che un figlio sia tuo indipendentemente dal fatto che sia stato partorito da tua moglie o che venga nella tua vita in altro modo. non vedo la differenza. Mi sembra che tu la veda e questo lo trovo scorretto nei confronti della tua bimba. Posso dirti che ho una figlia di 18 anni, partorita con dolore e che amo più della mia stessa vita, così come amo il suo pony e le sue due cavalle, perchè so che lei le ama. Così come amo la mia gatta e la mia cagnolina che sto cercando di far crescere insieme... Sicuramente sono mamma di mia figlia Alessia, come mamma carota per i cavalli e mamma pappa per le altre due, ma non mi sento sminuita e non faccio differenze .... cerco solo di essere a disposizione con un consiglio o una carezza per chi in quel momento ha bisogno.Ti auguro un Buon Natale ed un bacio a tua figlia

Scritto da ale il 22.12.2010 alle 15:31:02

Adottare significa fare le veci di un genitore, in questo caso si adotta un cane o gatto che i genitori ( cani e gatti che li hanno messi al mondo) non li ha più, quindi non vedo la differenza nell'utilizzo del termine. Se poi vogliamo fare sempre le solite polimiche trite e ritrite tra bambini e animali , allora non ho tempo da perdere in queste inutili e sterili discussioni ed invito chi utilizza tempo ed energia in questo ad occuparsi di quanto ritiene serie per lui, io utilizzerò il mio per fare da " mamma adottiva " del mio cane.


Inserisci il tuo commento

Nome e Cognome*:
Email (non sarà pubblicata)*:
Commento*:
Numero dei caratteri ancora disponibili:


Codice di controllo*: Scrivi la cifra che leggi nell'immagine qui sopra

* Campi obbligatori

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog.
Non sono consentiti: messaggi non inerenti al post , messaggi privi di indirizzo email , messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome) , messaggi pubblicitari , messaggi con linguaggio offensivo , messaggi che contengono turpiloquio , messaggi con contenuto razzista o sessista , messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.
La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003):
Per poter postare un commento, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome che vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, mentre l'indirizzo e-mail non verrà pubblicato. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all' art. 7 del D.Lgs. 196/2003.