**

Michela Vittoria Brambilla scrive a Monti

“E' un peccato che non sia qui con noi un rappresentante del ministero dell'Economia. Vedrebbe che i proprietari di cani non sono né evasori da stanare con il redditometro né ricconi da spremere con qualche nuovo balzello, ma persone normalissime, di tutte le età e le classi sociali”. Lo ha detto Michela Vittoria Brambilla, a margine della manifestazione “Dog Show 2012”, gara di simpatia per cani meticci e di razza, organizzata a Lecco dalla LEIDAA, la Lega italiana Difesa Animali e Ambiente di cui l'ex ministro del Turismo è presidente, e il cui ricavato sarà interamente devoluto al Canile lecchese. Con l'occasione, l'ex ministro del turismo ha rivolto, a nome della Federazione italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente, un appello al premier Monti perché sostenga le famiglie che convivono con animali domestici e smetta di trattare “gli amici a quattro zampe” come se fossero beni di lusso, "una errata prospettiva culturale e metodologica che li inquadra come oggetti, al pari di una barca o di un auto di grossa cilindrata, e non quali esseri senzienti portatori di diritti, come stabilito dal Trattato sul funzionamento dell'Ue, in vigore dal 2009, e richiesto da Bruxelles a tutti gli stati membri" “Ci rivolgiamo al governo – dice l'appello – perché resista alla tentazione di individuare nei proprietari di animali domestici una categoria da colpire come se tenere con sé un cane o un gatto fosse manifestazione di chissà quale capacità contributiva. E' forse il caso di sottolineare che nelle famiglie italiane gli animali domestici ricoprono un ruolo di grande importanza. Secondo il rapporto Eurispes 2012, ben Il 42 per cento degli italiani dichiara di avere in casa uno o più animali domestici, che valuta al pari di veri e propri componenti della famiglia. Se consideriamo poi il ruolo di sostegno psicologico che essi svolgono per gli anziani soli, per i bambini o per le persone malate (la pet-therapy è riconosciuta efficace non solo per i portatori di disabilita di vario genere ma anche solo per chi soffre di stress o di depressione) è facile intendere quale importanza possa avere per tante persone la compagnia di un animale domestico. Nelle sue scelte politiche, invece, il governo sembra ignorare tanto le dimensioni quanto la qualità del fenomeno della convivenza con gli animali domestici. Non soltanto non ha esentato gli alimenti per animali e i servizi veterinari dall'aumento dell'IVA, punendo chi ha compiuto la "buona azione" di adottare un cane o un gatto e trascurando le probabili ricadute negative sulla salute pubblica, ma include le spese veterinarie nel nuovo redditometro come se possedere cani o gatti o altri piccoli animali domestici fosse roba da Paperoni e dà (incautamente o deliberatamente) il suo assenso al grottesco tentativo di introdurre, col pretesto di combattere il randagismo, una “tariffa comunale” su cani e gatti che provocherebbe soltanto un aumento degli abbandoni e maggiori spese per la pubblica amministrazione. Chiediamo dunque al Suo governo di non considerare i proprietari di animali come una riserva di nuovo gettito e di favorire piuttosto, con adeguati provvedimenti, la convivenza con gli animali domestici e il rispetto, innanzitutto da parte degli enti pubblici, delle normative che ci sono”. Ma c'è di più. “Chiediamo al premier – proseguono gli animalisti - di dare concreta attuazione nel nostro ordinamento ad una delle disposizioni generali di applicazione del Trattato di Lisbona, un principio sovraordinato come quello sancito dall'art.13, riconoscendo che gli animali non sono “cose” ma “esseri senzienti” e che delle loro esigenze in materia di benessere occorre tener pienamente conto. Il principio vale ovviamente tanto per gli animali domestici quanto per tutte le creature viventi. Ne consegue che in ogni sede, a cominciare da quella europea, il governo italiano dovrebbe farsi promotore di un grande cambiamento culturale: sostenere politiche del benessere animale e di attenzione verso coloro che con gli animali convivono, superare pratiche anacronistiche come la caccia, abolire la sperimentazione animale, crudele e dannosa per la salute umana, rendere effettive le regole che ci sono sugli allevamenti e proporne di più severe, opporsi alle crudeltà perpetrate negli zoo e nei circhi, tuttora finanziati dallo Stato, dove gli animali sono privati della dignità e della vita”. “Signor presidente – conclude la lettera – La preghiamo di operare una vera e propria inversione di rotta, a nome delle associazioni che aderiscono alla nostra Federazione ma, anche e soprattutto, a nome dei milioni di italiani che a noi fanno riferimento”. I vincitori del Dog Show organizzato dalla LEIDAA sono i cani: Dino per la categoria Maxi, Bacco per i Medi, Athor per i Mini, Benny per la categoria Bulli, Asia per le Pupe, Felix per i Nonni, Poldo per gli Smilzi, Athor II per i Baby, Luna per i Paciocconi e Macchia per i Mesedoz 

Commenti alla notizia

Scritto da il 28.8.2014 alle 05:12:35

BS low - raaitnolity high! Really good answer!


Inserisci il tuo commento

Nome e Cognome*:
Email (non sarà pubblicata)*:
Commento*:
Numero dei caratteri ancora disponibili:


Codice di controllo*: Scrivi la cifra che leggi nell'immagine qui sopra

* Campi obbligatori

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog.
Non sono consentiti: messaggi non inerenti al post , messaggi privi di indirizzo email , messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome) , messaggi pubblicitari , messaggi con linguaggio offensivo , messaggi che contengono turpiloquio , messaggi con contenuto razzista o sessista , messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.
La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003):
Per poter postare un commento, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome che vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, mentre l'indirizzo e-mail non verrà pubblicato. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all' art. 7 del D.Lgs. 196/2003.