**

Viaggio a Londra

ciao mi chiamo karmen e vi scrivo per avere un chiarimento.
Ho letto nella vostra sezione viaggi e mi e' sorto un dubbio .
quest' anno volevo portare con me la mia cagnolina ( un incrocio tra un pinger ed un chiwuawua) a Londra .
A mia sorella, che vive li', avevano detto che il cane sarebbe stato messo in quarantena e che i vaccini da fare sono diversi rispetto ad altri paesi.
in pratica sarebbe stato molto difficile poterla portare.
Inoltre mi sono informata presso compagnie aeree ( alitalia, british e altre) quanto potesse costare un biglietto e informandoli che avevo con me un cane.
loro mi hanno detto che mi sarebbe costato il solo biglietto del cane dalle 500 euro in su' , sono arrivata ad una compagnia aerea che mi ha chiesto addirittura 1000 euro solo per il cane.
e' possibile o volevano truffarmi????
poi mi hanno anche informato che non potevo portarla assolutamente in cabina , ma che come tutti i cani di qualunque taglia andava messa in stiva.
al viaggio ci ho rinunciato e senza ripensamenti, ma il dubbio di tutte queste notizie mi e' rimasto.
potreste darmi dei chiarimenti e consigli.
scusate se mi sono dilungata troppo.
karmen

Commenti alla notizia

Scritto da il 26.4.2012 alle 11:10:33

Fatto. Me l'aggio accattato pur' je.Ho doutvo provare ventuno carte di credito prima di capire che Paypal non accetta una carta di uno stato se poi vuoi mettere l'indirizzo di un altro stato. Mah.La verite0, comunque, e8 che noi non si compra un fumetto.Si compra un rapporto umano con un tizio un po' scemo ma vero, reale. Mica Sclavi.Noi si compra pure un'attesa. Che9 mica ce lo sai quando (e se, soprattuto se) l'albetto arrivere0 tra le tue mani.Noi si compra anche l'ingresso in una elite. Lo sai, no?, che quando si incontrano due tuoi acquirenti si salutano con la stretta di mano massone, con il piro-piro nel palmo?Detto questo, spedisci sto fumetto se no vengo lec e ti graffio il Cintiq con la chiave del Ciao.Ciao.

Scritto da Armando Oteri il 11.12.2007 alle 08:58:36

Rigurado a quello che scrivi Carmen e' tutto vero.
A parte che preparare il cane per l'Inghilterra dura circa 6 mesi, tra vaccini ecc., il costo del trasporto aereo e' di ca 700 euro (British Airways). Vivo tra l'Italia e Londra e ho 2 cani e sono a conoscenza delle tariffe, quindi non e' una truffa. Ho una collega che trasporta da Milano ogni estate il suo gatto a Londra e paga ogni anno 700 euro. L' Inghilterra in questo e molti altri sensi e un' ISOLA.
Hai fatto bene a non portare la tua cagnetta e a risparmiarle i disagi delle stive di un aereoplano. Qualsiasi cane non se lo merita.


Inserisci il tuo commento

Nome e Cognome*:
Email (non sarà pubblicata)*:
Commento*:
Numero dei caratteri ancora disponibili:


Codice di controllo*: Scrivi la cifra che leggi nell'immagine qui sopra

* Campi obbligatori

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog.
Non sono consentiti: messaggi non inerenti al post , messaggi privi di indirizzo email , messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome) , messaggi pubblicitari , messaggi con linguaggio offensivo , messaggi che contengono turpiloquio , messaggi con contenuto razzista o sessista , messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.
La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003):
Per poter postare un commento, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome che vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, mentre l'indirizzo e-mail non verrà pubblicato. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all' art. 7 del D.Lgs. 196/2003.