**

Summit nato: la caccia ai cani randagi e' la prova del fallimento della politica delle uccisioni del governo Romeno

Le catture di migliaia di cani randagi riferite sul Corriere della Sera in occasione del Summit NATO rappresentano la prova lampante che lo sterminio in
atto dal 2001 nella capitale (e in tutto il paese) è un fallimento.
Bucarest ha speso, dal 2001 ad oggi, 7 milioni e mezzo di euro per
catturare, mantenere 2 settimane in canili lager e sopprimere un numero di cani
randagi che supera probabilmente le 300.000 unità (le autorità non
forniscono dati ufficiali, ma il trend dal 2005 è stato di circa 1000/1500 animali
soppressi ogni mese nella capitale ).
Il fenomeno ha radici lontane, quando Ceasusecu distrusse le case con il cortile e
spostò forzatamente gli abitanti in condomini dove i cani non potevano essere
trasferiti. Da allora (erano gli anni 80) il randagismo canino ha assunto proporzioni
impressionanti, ed è stato affrontato con metodi che sono passati dalla morte per
fame alle bastonature fino alle punture di solfato di magnesio senza anestesia.
Solamente a Bucarest STD ritiene che i metodi applicati per eliminare i cani in
sovrannumero siano stati “corretti”, almeno dopo lo scandalo nel 2002 di filmati
che mostravano cuccioli a cui veniva sfondato il cranio dagli scarponi degli operai.
STD chiede a gran voce, insieme a decine di associazioni romene e alle maggiori
associazioni internazionali, che si applichino i principi affermati nel 1990
dall'OMS, che suggerisce come unico metodo scientificamente accettabile la
sterilizzazione, la vaccinazione ed il rilascio degli animali (sani e non
aggressivi) sul territorio di provenienza. La ridiscussione in Parlamento
dell'Ordinanza 155 che fino a dicembre regolava la materia è prevista per
la fine di aprile. L'auspicio di STD è che si abbandoni la politica delle uccisioni
per una più civile ed efficace strategia delle sterilizzazioni e che l'Unione
Europea sostenga il Governo Romeno con fondi del Ministero della Sanità
per affrontare l'emergenza.
Sara Turetta – Presidente

Commenti alla notizia

Scritto da il 18.7.2012 alle 20:04:37

giulio scrive:la cosa che pif9 mi supciste forse perche8 ne siamo tutti vittime, e8 la distanza che si e8 creata tra l'abruzzo e il resto di italia, come se 2 realte0 differenti convivessero nel reciproco oblio, l'una che cerca di recuperare il divario iniziando dal calore dei luoghi cari e dalla ricostruzione dei legami, l'altra si fa scivolare addosso anche questa, come se le news sul premier avessero lo stesso peso di sangue, fango e mattoni sgretolati. allo stesso modo nei notiziari italiani convivono nella stessa serata le proteste internazionali, certo legittime, sull'incarcerazione di una leader birmana e il quotidiano silenzioso massacro, che ben poca indignazione procura,di giornalisti e membri di organizzazioni per i diritti civili in Russia. ma queste contraddizioni sono poi cosec piccole? credo che partecipare a questi contesti mediatici collettivi sia un buon modo per abbassare questo divario, o almeno, questo e8 quello che succede a me..

Scritto da il 26.2.2012 alle 19:21:31

mauromauro svirce:Sandro Cecconi svirce:11 luglio 2011 alle 21:46 cecconi, e se invece che somaroni fossero furbastri che hanno capito dove tira il vento ?salutami la bella e calda terra di sicilia che non vedo da diversi anni !

Scritto da il 7.1.2012 alle 19:13:23

I think you hit a bullseye there flleas!

Scritto da thinkson thoms il 22.12.2011 alle 10:49:57

I enthusiastically feel that the expertise specified is strongly related each of us . Many thanks .

Scritto da il 1.11.2011 alle 19:17:54

yjhuejrc

Scritto da il 27.10.2011 alle 23:58:06

yqwiyneo

Scritto da ketty il 4.4.2008 alle 12:04:02

a proposito....spero non sia contro le regole del blog,ma metto i dati per donare il 5 x mille per laura pontini...che si occupa da anni dei cani romeni...ne ha veramente bisogno...
LAMENTO RUMENO ONLUS
CODICE FISCALE 90015560304
www.lamentorumeno.org
ovviamente se sono andata contro le regole del blog mi scuso..cancellate tutto


Inserisci il tuo commento

Nome e Cognome*:
Email (non sarà pubblicata)*:
Commento*:
Numero dei caratteri ancora disponibili:


Codice di controllo*: Scrivi la cifra che leggi nell'immagine qui sopra

* Campi obbligatori

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog.
Non sono consentiti: messaggi non inerenti al post , messaggi privi di indirizzo email , messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome) , messaggi pubblicitari , messaggi con linguaggio offensivo , messaggi che contengono turpiloquio , messaggi con contenuto razzista o sessista , messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.
La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003):
Per poter postare un commento, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome che vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, mentre l'indirizzo e-mail non verrà pubblicato. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all' art. 7 del D.Lgs. 196/2003.