**

Richiesta informazioni

Salve, sono una ragazza di Sesto Fiorentino (Firenze), rientrando dalle vacanze ho visto che vicino a casa mia hanno aperto un piccolo negozio di vendita cuccioli di cane.. cosa squallidissima nel centro di una cittadina. Questi poveri animali sanno dentro il negozio giorno e notte e sinceramente non credo sia una cosa approvabile. Vi chiedo se possibile fargli effettuare un controllo per vedere che i cani siano trattati come si deve e a chi mi dovrei rivolgere?
grazie Silvia

Commenti alla notizia

Scritto da il 31.8.2012 alle 08:25:05

Esiste una strana pinrunzsoee ideologico/razionalistica in merito al funzionamento del cervello umano: differentemente da qualunque altro organo sembra che non possa essere irrimediabilmente compromesso da azioni altrui. Invece si sa che per indurre un cervello a perdere la sua funzione precipua, ovvero ragionare, basta assai poco. In sintesi e in chiaro: far diventare matto il proprio marito/moglie o compagno/a non ci vuole poi molto: basta violare tutte le regole base della relazione umana (es.: portargli via ogni affetto, ogni dignite0, ogni espressione positiva di se8, ogni bene con una falsa accusa di violenza), vivere in un contesto culturale che interpreta queste violazioni come giusto atto di liberazione dal male e in un sistema e in una prassi giuridica che impone queste tremende violazioni, di ogni sacrosanto sentire umano, come norma di legge con la forza cogente di carabinieri e polizia. Questa si chiama violenza istituzionalizzata e nella Storia la violenza fattasi istituzione si e8 sempre avuta quando un'ideologia ha preso il sopravvento sulla realte0 ed e8 diventata legge e imposizione di Stato. Quando una ideologia si incarna nell'azione di uno Stato, questo diventa totalitario. Oggi il femminismo e8 l'ideologia che ha istituzionalizzato la violenza, e come sempre quando si istituiscono regimi totalitari, la parola d'ordine con cui si istituzionalizza la violenza e8 sempre uno slogan contro la violenza. Dall' Arbeit macht frei che campeggiava all'ingresso dei campi di streminio nazisti, ai Campi di rieducazione del comunismo, fino alla stupefacente violenza che in nome della Non violenza il regime femdominista sta progressivamente inserendo e attuando in ogni aspetto delle relazioni personali tra femmine e maschi, tra genitori e figli: infiniti sono gli esempi in tsal senso. I padri e i maschi che uccidono e si uccidono, le madri che uccidono ( a milioni!) i propri figli nel proprio ventre, ecc. ecc., ecc., sono figli diretti della violenza istituzionalizzata frutto del femminismo trasforma

Scritto da donatella il 15.9.2008 alle 10:33:58

chiama l'enpa o la lav della tua zona, hanno le guardie zoofile che vengono a guardare se va tutto ok, se gli animali vengono maltrattati, li sequestrano e gli viene fatta una multa...

Scritto da giuli il 15.9.2008 alle 07:41:16

ciao chiama l'asl degli animali,l'enpa o la lav,ti sapranno dire qualche cosa di utile.


Inserisci il tuo commento

Nome e Cognome*:
Email (non sarà pubblicata)*:
Commento*:
Numero dei caratteri ancora disponibili:


Codice di controllo*: Scrivi la cifra che leggi nell'immagine qui sopra

* Campi obbligatori

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog.
Non sono consentiti: messaggi non inerenti al post , messaggi privi di indirizzo email , messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome) , messaggi pubblicitari , messaggi con linguaggio offensivo , messaggi che contengono turpiloquio , messaggi con contenuto razzista o sessista , messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.
La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003):
Per poter postare un commento, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome che vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, mentre l'indirizzo e-mail non verrà pubblicato. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all' art. 7 del D.Lgs. 196/2003.