**

Aboliamo la corrida in Europa

L'Unione Europea di recente è stata sollecitata dal Governo Spagnolo a riconosce la corrida come tradizione che rappresenta la cultura europea. Se questa richiesta venisse accolta, sarebbe poi impossibile abolire la corrida. In un'indagine del “Daily Mail” viene svelato che l'Unione Europea destina circa 38 milioni di euro l'anno al finanziamento delle corride. L'UE sostiene la tortura e la morte dei tori nelle arene e di molti altri animali nelle feste “sanguinarie”. Consideriamo assolutamente riprovevole che una porzione delle nostre tasse vadano a sostenere i maltrattamenti sugli animali. I sussidi europei, insieme a quelli stanziati a livello locale permettono alla corrida di sopravvivere.
L'OIPA, sia in occasione della mostra di giugno che di recente, ha scritto al Parlamento Europeo mettendo in evidenza la crudeltà delle corride e i motivi per cui è necessario bandirle, non solo a livello europeo, ma anche mondiale. Uccidere un animali indifeso ed impaurito, non è uno sport ne tanto meno cultura europea. L'opposizione alla corrida cresce, e non solo in Spagna. Invia una mail di protesta ai Commissari europei per chiedere di fare quanto in loro potere per mettere fine ai sussidi alla corrida e agli sport “sanguinari”
Invia la lettera di protesta alla pagina http://www.oipaitalia.com/festepopolari/corrida.html


Commenti alla notizia

Scritto da il 11.1.2012 alle 02:45:37

When you think about it, that's got to be the right awnser.

Scritto da il 18.12.2011 alle 02:19:40

This could not possibly have been more hlpeful!

Scritto da deborah bologna il 19.10.2008 alle 16:56:26

quando in tv fanno vedere i tori che incornano i toreri faccio i salti di gioia. bisognesebbe abolire anche quella festa dove tutti quei (passatemi il termine) COGLIONI corrono dietro ai tori. mi metterei sopra ai tetti con un fucile ad aspettarli!!!
sarò cattiva ma è quello che penso, scusatemi..

Scritto da valeria garbagnati il 17.10.2008 alle 16:42:08

CHE BELLO QUANDO I TORI AFFONDANO LE CORNA....


Inserisci il tuo commento

Nome e Cognome*:
Email (non sarà pubblicata)*:
Commento*:
Numero dei caratteri ancora disponibili:


Codice di controllo*: Scrivi la cifra che leggi nell'immagine qui sopra

* Campi obbligatori

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog.
Non sono consentiti: messaggi non inerenti al post , messaggi privi di indirizzo email , messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome) , messaggi pubblicitari , messaggi con linguaggio offensivo , messaggi che contengono turpiloquio , messaggi con contenuto razzista o sessista , messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.
La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003):
Per poter postare un commento, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome che vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, mentre l'indirizzo e-mail non verrà pubblicato. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all' art. 7 del D.Lgs. 196/2003.