**

Una vergogna per l'Europa: l'inferno dei cani randagi in Puglia

Cicto.org una coalizione internazionale di oltre 40 organizzazioni europee per la protezione degli animali inizia in questa settimana con una campagna coordinata la lotta contro la tortura organizzata dei cani randagi nei canili pugliesi. Una denuncia contro numerosi comuni, canili e veterinari della asl è stata depositata presso la procura di Lecce. Con una adozione di massa un gruppo di turisti con l'aiuto di animalisti locali oggi libera oltre 30 cani da un canile-lager nelle vicinanze della cità di Lecce.
Con striscioni come: l'Inferno per randagi in Puglia una vergogna per l'Europa, Maltratta e Vinci o I Canili in Puglia maltrattamento organizzato senza pietà
animalisti e turisti provenienti dall'Italia, Germania e Svizzera bloccano da questa mattina un canile nelle vicinanze della città di Otranto (Lecce).
La denuncia di massa per maltrattamento degli animali, diffusione di malattie contagiose e numerose infrazioni contro leggi nazionali e regionali ha lo scopo di costringere i rappresentanti corrotti e inoperosi degli enti locali a fermare l'ignobile affare che sulla pelle dei randagi, solo in Puglia fa guadagnare ogni anno oltre 50 Milioni di Euro.
40 turisti partiti da Zurigo provenienti dalla Svizzera e dalla Germania nell'ambito di una gita culturale organizzata da TorturaTours dal titolo Salento: Terra di Sole, Mare e Maltrattamento, visitano numerosi canili in Puglia . I turisti visitano i canili e i cani li trattenuti e maltrattati per rendere possibili delle adozioni e far visitare i cani da alcuni veterinari.
Cicto porterà il problema del maltrattamento organizzato degli animali in Puglia e la conseguente diffusione di zoonosi (malattie animali, contagiose) come la lesmaniosi o la parvosi anche a Bruxelles davanti alla commissione europea.
Lo stato incettabile di molti canili del sud Italia, le condizioni disumane e l'affare crudele sulla pelle degli animali sotto il pretesto del problema randagismo sono noti da oltre quindici anni
gli sforzi di numerose organizzazioni locali l'informazione nei media a causa della struttura ben organizzata del business-randagi non hanno portato a nessun lenimento della pena di questi animali.
Con l'odierna azione in un canile nei pressi di Otranto la coalizione Cicto e l'operatore turistico TorturaTours danno inizio ad una campagna internazionale per non ignorare più gli oltre 60'000 cani che vengono maltrattati ogni giorno in Puglia.
La comitiva di turisti partiti dalla Svizzera e i rappresentanti di Cicto.org sono sul posto e raggiungibili telefonicamente:
Foto e filmati disponibili
www.cicto.org www.cicto.ch
Youtoube: CICTO
Contatti:
Stefan Weber 331 281 0550

Commenti alla notizia

Scritto da il 24.11.2012 alle 17:57:49

Ti capisco Anche se non ho figli, ma solo una cngloaina, la stupiditc383c2a0 della gente viene fuori lo stesso. Un episodio per tutti: io fuori da un forno col cane al guinzaglio che sta sgranocchiando un pezzettino di schiacciata come premio per avermi aspettata buona buona fuori della porta; arriva la scema di turno e si tuffa a fare carezze al cane col viso vicino al muso. Io le dico che c383c5a1 meglio che si allontani, infatti, notoriamente, i cani, e anche gli umani, non amano essere cincischiati mentre mangiano. Alla fine la cngloaina si rivolta ringhiando. La scema si alza inviperita gridando: Ma allora questo cane c383c5a1 cattivo . Non ho resistito: No, signora c383c5a1 lei che c383c5a1 parecchio scema! .Apriti cielo, ma almeno l'ulcera mi verrc383c2a0 un altro giorno.

Scritto da Alessandra Esposito il 24.11.2012 alle 13:02:20

Ma si devo vergognare.
I Cani,li maltrattano li uccido;)
Poi un laboratorio di cane che li uccidono,x fare le medici è soffrono la Piango,Soffrono le malattie,ma che razza di persone Sono o mio Dioo.
incredibileee

Scritto da il 5.3.2012 alle 03:30:57

Nella dichiarazione del snadico che trova ghiotta occasione per politicizzare la questione (a proposito di interessi di bottega ) leggo un'inesattezza e un'omissione. A quanto mi risulta, il decreto di chiusura non risale ad avantieri, 30 agosto, ma ad almeno tre settimane addietro. In secondo luogo, esso riporta i criteri che hanno indotto il direttore della ASL a propendere a risorse date per la chiusura notturna di certi presidi sanitari (incluso quello molese) a vantaggio di altri. In particolare, il criterio addotto e8 dato dallo scarso afflusso di interventi (se non sbaglio, meno di 3 per notte). Opinabile finche9 si vuole, ma non del tutto arbitrario. L'alternativa sarebbe stata quella di sottrarre una postazione di 118, che a differenza dei punti fissi di primo soccorso espleta interventi salvavita.Andrebbe poi chiarito che le ragioni della chiusura sono solo indirettamente connesse con l'allegra gestione finanziaria (che pure c'e8 stata, e da decenni): esse discendono direttamente dalla penuria di personale sanitario, dovuta all'impossibilite0 da parte della Regione di dare seguito alla stabilizzazione di medici e infermieri assunti con contratti a tempo determinato, alcuni dei quali scaduti proprio ieri. Tale stabilizzazione non ha potuto avere luogo dopo che il governo nazionale (e il ministro Fitto in particolare) ha impugnato il provvedimento.Mi sorprende, infine, che il direttore Lucarelli di fronte ad una mobilitazione che trova incomprensibile abbia scelto di interpellare il snadico (che nulla c'entra con la questione), ma non uno degli esponenti dei partiti e dei movimenti che hanno promosso l'agitazione: ciascuno di questi avrebbe potuto confermare che al piano della protesta pubblica si affianchere0 a breve quello del dialogo istituzionale.

Scritto da layla frederiksen il 21.6.2011 alle 17:27:54

Soy Layla y soy de España ,ahora mismo estoy viviendo en Sicilia y esto es el infierno de los perros y gatos....cada dia veo por la carretera muchisimo perros y gatos desesperados buscando comida y cariño..cada dia veo tantos atropellados y yo lo unico que puedo hacer es llevar comida en el coche para al menos que ese dia puedan comer...por favor alguien puede organizar algo para sacar algunos perros de aqui,,yo ayudaria en lo que pueda...vivo en Ragusa...

Scritto da Giorgio il 20.6.2011 alle 13:56:08

Confermo quanto scritto da Claudia, la vacanza in Puglia è stata in parte rovinata dalla quotidiana convivenza con il problema del randagismo e del maltrattamento degli animali.
Un vero peccato, perchè i posti sono davvero stupendi.
Forse un punto su cui fare leva sono gli interessi economici, e in questo senso bisognerebbe cercare di fare capire agli amministratori locali che il boicottaggio turistico, che sta aumentando sempre più, è l'arma migliore per cercare di spingerli ad impegnarsi...

Scritto da Claudia il 20.6.2011 alle 13:14:07

Sono stata in vacanza per 3 settimana in Puglia e posso solo confermare che è un inferno per gli animali. abbiamo salvato un cane che ha la leishmaniosi, ma ce ne sarebbero stati altri 20 da salvare al giorno visti da noi stessi vagabondare per le strade. è un orrore. Il numero del canile nemmeno ci è stato dato perchè un lager. quindi se quello che ho visto fuori dei canili è un inferno non vorrei sapere dentro. Mia amica che si trova in sicilia mi racconta le stesse identiche cose, se non peggio. tutto si gira solo attorno ai soldi e queste povere beste ne pagano le consequenze. una vergonga per tutta l'italia e per tutta l'europa..anzi per tutto il mondo! qualcuno addirittura mi ha raccontato che girano le voci che il canile funziona solo d'estate quando il comune paga, d'inverno quando non paga liberano tutti i cani. se vero o meno non lo so. so solo che i cani sparivano ogni giorno e giorno dopo giorno nuovi cani che sparivano il giorno dopo (con solo qualche eccezione). Ho viaqgiato tanto nel mondo, a Messico a Cuba in Tailandia etc etc. -- ma MAI MAI ho visto un orrore del genere...:-(

Scritto da carmela renzullo il 2.1.2011 alle 18:11:20

nn ho capito bene ....ma in svizzera germania e altri paesi europei come si comportano con i nostri amici a 4zampe??'' ma lo sapete che in provincia di milano c'è un canile che non si riesce a farlo chiudere.....e si è "IL MULINO DI PANTIGLIATE"ma è possibile...........ci sono volontari che non durano molto come mai?IL SIG.CIRILLO X ME E' un m...os..spero solo BENE X TUTTI GLI ANIMALI

Scritto da carmela renzullo il 2.1.2011 alle 18:10:18

nn ho capito bene ....ma in svizzera germania e altri paesi europei come si comportano con i nostri amici a 4zampe??'' ma lo sapete che in provincia di milano c'è un canile che non si riesce a farlo chiudere.....e si è "IL MULINO DI PANTIGLIATE"ma è possibile...........ci sono volontari che non durano molto come mai?IL SIG.CIRILLO X ME E' un m...os..spero solo BENE X TUTTI GLI ANIMALI

Scritto da anna arcuti il 28.11.2010 alle 12:21:11

siamo ancora molto lontani a ritenerci civili finche ogni paese dell'italia non costruisca dei rifugi affinche gli animali possano vivere una situazione ben diversa dai canili lager attuali,la dimensione a portata del cittadino assicurerebbe una piu facile adozione o mantenimento,e se poi ai comuni venisse un lampo di genio applicherebbero dei panelli solari sui tetti affinche' nel tempo si possano raccogliere utili per il propio comune.io penso che questa sia la strda giusta per leliminaione del problema,ma ci vorrebbe una legge ghe obblighi tutti i comuni ad applicarla,inutile aggiunger che se dovessero essersi convinti ricordo che non ci sara bisogno di costruire dei grandi canili ma rifugi a dimnsione canei felici,,,tutto il resto è noiaì

Scritto da mariagrazia il 17.2.2010 alle 20:45:55

ragazzi sto vedendo sulla mia pelle la storia dei canili pugliesi sto cercando di entrare nel canile di foggia per cercare il mio cane...impossibile..mi hanno negato anche di poter solo entrare. qualcuno sa qualcosa su questo canile o ha mai avuto a che fare con chi lo gestisce?

Scritto da Alessandra Pasqui il 4.9.2009 alle 11:30:59

Eva, ma dove hai letto che i cani in Svizzera se la passano peggio che in Puglia? Cosa è "risaputo"? Hai mai visto un canile svizzero?!!
Io sì, dato che ci vivo da 13 anni, e ti posso assicurare che i cani hanno cucce pulite, recinti spaziosi, controllo veterinario, volontari che li portano a passeggio.

Scritto da deborah santonocito il 22.7.2009 alle 16:49:47

sono scozesse, da 15 anni qui in italia e adesso 6 mese in puglia.....e una vergogna!!! non parlare di altre paese come mostri...solo in italia tengono cane in gabbia per vita...MA CHE VITA??? segue il resto del mondo , cane tenuto in canile per 30 giorni , per cercare vecchi padrone o adottare...se ce ancora spazio vengono tenuto di pui, se ce la coda alla porta una puntura...terribili come sembra ma meglio di una esistenza senza speranza...ho adirittura mandato in germania per diventare uso e abuso di scienzate......in canile profitano solo il uomo non il cane....dai puglia svegliati!!!!!

Scritto da roberta il 7.3.2009 alle 23:32:57

secondo me far vivere dei cani dentro dei canili non è giustovivono come delle pezze vecchie.e a comandarli sono dei mostri, e tutti quelli che dicono che gli animali sono brutti si sbagliano da morire.vorrei proprio vedere loro essere trattati come delle pezze vecchie.comunque cosa si può fare per risolvere questo problema??????????
cosi almeno ci diamo una mano a vicenda........

Scritto da eva il 6.12.2008 alle 17:06:31

quoto tutto quello detto da alessandro, perchè prorpio la svizzera dove i cani è risaputo se la passano peggio che qui in puglia? ma non sono d'accordo sull'insensibilità della gente del luogo, parlerei più di rassegnazione al problema, per ben due volte ho contattato associazioni del luogo per farmi aiutare a trovare casa a dei cuccioli che ho raccolto dalla strada e la risposta è stata arrangiati; è giusto lottare contro i canili lager ma bisogna anche salvare i tanti cani che vivono in strada.

Scritto da alessandro il 13.11.2008 alle 12:21:02

sono stra daccordo sul fatto che in italia i canili sono gestiti da mostri che invece di assicurare il benessere degli animali si tengono i soldi...eccecc e che troppi cittadini se ne freghino di queste creature,perchè non è solo colpa della politica ma anche dell ignoranza e dell insensibilità e il menefreghismo degli abitanti della zona...
però onestamente parlando,non mi può che sorgere una domanda....in svizzera e in germania i cani si sopprimono....e voi sapete meglio di me come e con che facilità...
cosa state facendo per risolvere questo problema???
così ci diamo una mano a vicenda...


Inserisci il tuo commento

Nome e Cognome*:
Email (non sarà pubblicata)*:
Commento*:
Numero dei caratteri ancora disponibili:


Codice di controllo*: Scrivi la cifra che leggi nell'immagine qui sopra

* Campi obbligatori

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog.
Non sono consentiti: messaggi non inerenti al post , messaggi privi di indirizzo email , messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome) , messaggi pubblicitari , messaggi con linguaggio offensivo , messaggi che contengono turpiloquio , messaggi con contenuto razzista o sessista , messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.
La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003):
Per poter postare un commento, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome che vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, mentre l'indirizzo e-mail non verrà pubblicato. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all' art. 7 del D.Lgs. 196/2003.