**

Proposta cassinelli: punire accattonaggio con animali.

La presentazione da parte dell'onorevole Roberto Cassinelli di Genova della proposta di legge per rendere penalmente punibili i maltrattamenti inflitti agli animali utilizzati per favorire l'accattonaggio non può che essere condivisa e sottoscritta da tutti gli amanti degli animali.
La proposta del deputato Pdl Cassinelli è quella di integrare la legge 189
del 20 luglio 2004 che punisce i delitti contro il sentimento degli animali,
inserendo all'articolo 544 ter del codice penale che sanziona i maltrattamenti
inflitti agli animali con la reclusione da tre mesi a un anno o con la multa da
3.000 a 15.000 euro con questo nuovo comma: “Integra la fattispecie di
maltrattamento di animali l'esibizione durante la pratica di accattonaggiodi
animali con cuccioli lattanti da svezzare o animali comunque in stato di
incuria , denutrizione, in precarie condizioni di salute o sofferenti, tali da
suscitare l'altrui pietà per le condizioni in cui sono esposti e tenuti” Il
reato (e questa è la vera novità) sarebbe procedibile d'ufficio e comporterebbe
la confisca dell'animali ed il suo affidamento ad associazioni ed enti che
perseguono la tutela degli interessi lesi dai reati previsti dalla legge 189.
Secondo i dati dell'osservatorio nazionale contro l'accattonaggio con animali
dell'AIDAA ogni anno sono 25.000 gli animali utilizzati ogni anno per l'
accattonaggio in Italia, seimila i cani rapiti ed il giro delle elemosine
permette al racket di incassare ben 45 milioni di euro l'anno che poi vengono
rimessi nelle attività illecite della malavita.
“Non conosco personalmente Cassinelli- ci dice Lorenzo Croce presidente
nazionale AIDAA e promotore del progetto di osservatorio nazionale contro l'
accattonaggio con animali- certo è che la sua proposta sposa perfettamente
quanto da noi auspicato e sostenuto, ora ci muoveremo per dare sostegno a
questa proposta finche diventi in tempi rapidi legge.Noi- continua Croce- siamo
assolutamente convinti che il problema dell'accattonaggio con animali deve
essere analizzato giorno dopo giorno e siamo certi che il lavoro che stiamo
facendo con l'osservatorio sarà utile per monitorare giorno dopo giorno un
odioso fenomeno che in alcuni casi si incrocia con l'accattonaggio con i
minori, quest'ultimo già punito ai sensi dell'articolo 671 del codice penale”
Le città dove il fenomeno dell'accattonaggio con animal è più diffuso sono:
Roma, Milano, Firenze, Venezia, Genova, Torino e Napoli.

Commenti alla notizia

Scritto da il 28.4.2012 alle 06:07:59

Quello ce scrivi e8 versmiiso, e8 dura ma dobbiamo riconoscere che lo Stato sul territorio italiano conta poco e niente, non solo in Sicilia, o in Calabria, o in Campania. Dove la malavita italiana ha lasciato spazio perche8 evidentemente gli interessi erano altri, bande di malviventi stranieri si sono insediate indisturbate (se non in accordo con la malavita locale). Non e8 dicendo che i rom sono tutti buoni, puliti e pii che risolviamo la questione, non e8 la verite0. Ma il razzismo non porta a nulla e bruciare le baracche, mi sa cosec tanto di azione nazista...Io non so come si potrebbe risolvere la situazione, so che questo governo e8 fin troppo permissivo con le mafie locali, e questo e8 un grosso rischio per l'antimafia nazionale. Forse uno snellimento nelle procedure dei processi potrebbe aiutare, ma sinceramente non so fino a che punto.

Scritto da marcello antini il 27.11.2008 alle 14:43:11

e quelli dell'oipa che prendono 30.000 euro all'anno dal comune credi che siano mai intervenuti?

Scritto da laura il 24.11.2008 alle 09:36:30

Alla luce di questa importante novità sull'applicazione di una legge gsta e fino ad ora poco applicata, diamoci tutti da fare per segnalare ogni illecito che riguardi i nostri amici animali. Io lho già fatto avvisando Oipa Milano dei posti dove abitualmente ragazzi con cuccioli di razza ( che non potrebbero certo permettersi ) chiedono l'elemosina.
Facciamolo tutti attivamente, una chiamata costa poco in termini di denaro, ed è la salvezza per migliaioa di amici a quattrozampe.


Inserisci il tuo commento

Nome e Cognome*:
Email (non sarà pubblicata)*:
Commento*:
Numero dei caratteri ancora disponibili:


Codice di controllo*: Scrivi la cifra che leggi nell'immagine qui sopra

* Campi obbligatori

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog.
Non sono consentiti: messaggi non inerenti al post , messaggi privi di indirizzo email , messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome) , messaggi pubblicitari , messaggi con linguaggio offensivo , messaggi che contengono turpiloquio , messaggi con contenuto razzista o sessista , messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.
La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003):
Per poter postare un commento, oltre all'email, è richiesto l'inserimento di nome e cognome che vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, mentre l'indirizzo e-mail non verrà pubblicato. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all' art. 7 del D.Lgs. 196/2003.